QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 24°24° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 23 agosto 2019

Cronaca mercoledì 16 luglio 2014 ore 19:30

Bastione Parlascio, la riqualificazione costa 1,6 milioni

Il progetto dell'amministrazione comunale prevede la riqualificazione del complesso fortificato e l'apertura al pubblico delle mura repubblicane



PISA — Servono oltre un milione e mezzo di euro per la riqualificazione del bastione Parlascio.

A raccontare l’ambizioso progetto di ristrutturazione è l’assessore ai Lavori pubblici del comune di Pisa Andrea Serfogli, che durante il sopralluogo della terza commissione consiliare permanente per la Cultura ha spiegato: “Il progetto prevede la valorizzazione dell’intera area muraria e comprende anche l’apertura del camminamento sopraelevato e l’approfondimento degli scavi archeologici, che già negli anni passati hanno portato alla luce una via carraia medievale e una via romana di collegamento tra il bastione e i bagni termali. È inoltre prevista la realizzazione di aree ristoro, un piccolo museo informativo sulla storia del bastione e delle mura e la creazione di un’area pedonale esterna alla porta. Le varie zone e i vari piani del complesso edilizio verranno messi in comunicazione gli uni con gli altri per creare un unico percorso culturale che, grazie all'installazione di un ascensore, sarà accessibile anche alle persone diversamente abili”.

Il progetto, presentato in anteprima dall’architetto Marco Guerrazzi ai membri della commissione, ha già ottenuto il parere positivo della soprintendenza ai beni culturali e richiederà una serie di interventi per 1,6 milioni di euro. “Di questi –dice Serfogli - 300mila euro verranno investiti dal Comune, mentre per i restanti 1,3 milioni stiamo aspettando risposte di finanziamento da parte della Fondazione Pisa, che dovrebbero arrivare tra ottobre e novembre. Qualora queste fossero negative, in alternativa potremmo ricorrere a un bando statale o europeo”.

La costruzione del bastione, che come spiega il presidente della commissione Alessandra Maziotti “È stato riacquisito dal Comune nel 2012 a seguito di una permuta immobiliare” risale al 1157. Questo venne rafforzato nel ‘400, dopo la conquista fiorentina della città, con la creazione di una controporta, opera del Brunelleschi.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca