QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 13° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 26 marzo 2019

Politica domenica 01 febbraio 2015 ore 10:10

Antoni su Tpl: "A quando la gara?"

Il termine della presentazione delle offerte di gara è slittato di 45 giorni. La nuova scadenza è fissata al 2 aprile prossimo



PISA — "A Pisa con il termine Novella dello stento si indica una storia che non finirà mai e che porta all'esaurimento nervoso i bambini che, come tutti sanno, sono curiosi e hanno la tendenza a chiedere sempre la stessa cosa. Così come i bambini anche noi del Movimento 5 Stelle siamo curiosi e chiediamo sempre la stessa cosa alla regione Toscana: Quando finirà la gara regionale per il trasporto pubblico locale?''. La consigliera Valeria Antoni commenta così lo slittamento della gara regionale per il trasporto pubblico locale.

"Oggi -continua Antoni- apprendiamo che il termine della presentazione delle offerte di gara è slittato di altri 45 giorni (2 aprile) e la proroga è stata decisa "vista la complessità delle valutazioni necessarie, per consentire alle otto aziende di trasporto che hanno manifestato interesse di aver più tempo per ponderare e predisporre le offerte".

Sulla gara pende il ricorso del Consorzio Mobit ed il Tar deciderà l'11 febbraio se emettere una sospensiva. "Un'altra azienda che partecipa alla gara -fa sapere Antoni- la francese Ratp, ha posto 39  quesiti alla Regione sul capitolato di gara ed è anch'essa intenzionata a ricorrere al Tar se non riceverà risposte adeguate. A questo punto ci chiediamo: ma questo bando di gara è adeguato, congruo ed ineccepibile, visto che va ad assegnare una cosuccia come l'intero "tpl" regionale per 9+2 anni con in ballo 2,7 miliardi di Euro pubblici, 90 milioni di chilometri ed il posto di lavoro di 5500 addetti?".

La Antoni porta l'esempio di altre Regioni: "In Friuli, dove è in corso analoga gara sempre su lotto unico, il Tar ha accolto parzialmente il ricorso di un'azienda partecipante ed ha imposto alla Regione di inserire la possibilità di rateizzazione per il subentrante dell'importo per l'acquisto di mezzi ed infrastrutture e che questa sia soggetta a contrattazione tra le parti. Ma se le parti non trovano un accordo che succede? Aumentati, inoltre, i termini per il subentro ed il bando dovrà specificare i costi del personale.
Ora ci chiediamo: in caso di accoglimento del ricorso di Mobit a quando andrà la chiusura della gara e l'affidamento?
La domanda è retorica dato che la risposta la sappiamo o meglio la vediamo tutti i giorni utilizzando gli autobus malconci della Ctt Nord. Dobbiamo ringraziare ancora una volta la lungimiranza del presidente della Regione Enrico Rossi e le mancate verità dell'assessore Ceccarelli".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità