QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11°14° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 21 maggio 2019

Cultura venerdì 04 aprile 2014 ore 06:30

Assange, Rodotà, Ainis e il filosofo Bodei agli Open Day

L'Università di Pisa apre le porta e invita alla discussione. L'etica tra i temi portanti



PISA — Tornano giovedì 10 e venerdì 11 aprile 2014 gli Open Day della Ricerca, la manifestazione promossa dall'Università di Pisa per aprire virtualmente le porte dei propri laboratori e mostrare a tutta la cittadinanza il lavoro e le persone protagonisti di questo settore.
Insieme agli stand della ricerca, che quest'anno si snoderanno tra piazza dei Cavalieri e il polo Carmignani, il programma prevede la presentazione di alcune tra le più innovative iniziative scientifiche dell’ateneo: studi interdisciplinari che uniscono saperi umanistici e applicazioni multimediali, esempi di spin off di successo e progetti nati nell’ambito di programmi di collaborazione internazionale. 

La kermesse sarà inaugurata giovedì 10 aprile, alle 15, con l’apertura degli stand, che illustrano in forma divulgativa la ricchezza e la varietà delle ricerche condotte nei dipartimenti dell'Università.
Sul palco si alterneranno Laura Giarrè, dell'advisory board della "Andrea Bocelli Foundation" e due ricercatori dell'Ateneo, l'economista Simone D'Alessandro e l'ingegnere biomedico Arti Ahluwalia. Il dialogo, che sarà coordinato dal prorettore alla Comunicazione, Marco Guidi, avrà per titolo "Eticamente: la ricerca che fa bene". La giornata si chiuderà con la presentazione di GaragErasmus, la rete professionale della generazione Erasmus, a cura dell’executive chairman, Francesco Cappè, e con un momento in collaborazione con Radioeco, la web radio ufficiale degli studenti dell'Università di Pisa.

La mattinata di venerdì sarà incentrata su tre talk rivolti a un pubblico non specialistico e di giovani, che presenteranno alcuni casi di ricerche innovative e di successo dell’Università di Pisa. Si inizierà alle ore 10 con "Humanities, linguistica e applicazioni multimediali”: il prorettore alla Ricerca, Roberto Barale, e il responsabile Ricerca e Sviluppo di Nextworks, Nicola Ciulli, dialogheranno con i professori Gabriele Gattiglia, Alessandro Lenci, Enrica Salvatori e Mirko Tavoni. Alle ore 11 toccherà a “Spin-off: performance di creatività e innovazione”, con il prorettore alla Ricerca applicata e all'Innovazione, Paolo Ferragina, che introdurrà i rappresentanti di BioCare, E-SPres3D, ExtraSolution, IV Tech e JOS Technology. Alle ore 12, “Meet the MIT Project” metterà a confronto il prorettore all'Internazionalizzazione, Alessandra Guidi, con alcuni degli studiosi pisani che stanno sviluppando progetti di ricerca insieme a colleghi del prestigioso MIT di Boston: Valentina Domenici, Gianluca Fiori, Michele Lanzetta e Marta Pappalardo. I tre incontri saranno coordinati dal giornalista Walter Daviddi.

La sessione pomeridiana del venerdì, con inizio alle ore 16, sarà dedicata all’incontro dal titolo “Spioni, spiati. Etica e democrazia”, organizzato nell’ambito del ciclo dei “Dialoghi dell’Espresso”. L’apertura dei lavori sarà affidata al rettore Massimo Augello e al direttore dell’Espresso Bruno Manfellotto. Subito dopo l'intervista a Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, che sarà in video collegamento dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra in cui è rifugiato da alcuni anni. La discussione sarà quindi sviluppata e approfondita con gli interventi dei giuristi Stefano Rodotà e Michele Ainis e del filosofo Remo Bodei, professore emerito dell’Università di Pisa.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità

Cronaca