QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 19°25° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 26 giugno 2016

FAUDA E BALAGAN — il Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

ALFREDO DE GIROLAMO - Dopo un lungo periodo di vita vissuta a Firenze in cui la passione politica è diventata lavoro, sono tornato a vivere a Pisa dove sono cresciuto tra “Pantere”, Fgci, federazione del partito e circoli Arci. Da qualche anno mi occupo di Servizi Pubblici Locali a livello regionale e nazionale. Nella mia attività divulgativa ho pubblicato i libri Acqua in mente (2012), Servizi Pubblici Locali (2013), Gino Bartali e i Giusti toscani (2014), Riuso-rifiuti (2014).Voci da Israele (2015) ENRICO CATASSI - Storico e criminologo mancato, scrivo reportage per diversi quotidiani online. Curatore del libro In nome di (2007), sono contento di aver contribuito, in piccola parte, ad Hamas pace o guerra? (2005) e Non solo pane (2011). E, ovviamente, alla realizzazione di molte edizioni del Concerto di Natale a Betlemme e Gerusalemme. - Insieme hanno curato i libri: "Gerusalemme ultimo viaggio"(2009),"Kibbutz 3000"(2011),"Israele 2013"(2013),"Francesco in Terra Santa"(2014).Voci da Israele (2015)

Pasqua a Gerusalemme

di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi - domenica 27 marzo 2016 ore 22:00

Gerusalemme. Città Vecchia, città dentro la città, centro del mondo. Nel quartiere cristiano in tranquillità si stanno svolgendo le celebrazioni per la Passione, morte e resurrezione di Gesù, in quello ebraico si è conclusa la gioiosa festa del Purim e volge al termine lo Shabbat. Nel quartiere musulmano blitz e arresti. Le strette stradine che conducono al Santo Sepolcro accolgono turisti e fedeli di mezzo mondo. Non sono né eroi né crociati ma semplici viaggiatori, pellegrini che hanno l'opportunità di visitare uno dei luoghi “più magnetici, più problematici e più affascinanti al mondo”. Ma privo per “volere della storia” di armonia, pace e tranquillità. Contesa perennemente, Gerusalemme è il luogo dove tutti amici e nemici, nel bene e nel male, sono costretti ad incrociarsi, sporadicamente confrontandosi violentemente, spesso senza nemmeno guardarsi, altre volte relazionandosi amichevolmente, in una convivenza complicata ma non impossibile.

Nel Venerdì Santo la via Crucis con le 14 stazioni sparse lungo la via Dolorosa ha rappresentato il culmine delle celebrazioni, in una mescolanza di lingue, suoni, odori e colori. Preghiere e meditazioni guidate dal Custode di Terra Santa il francescano Pierbattista Pizzaballa. Il giorno precedente durante l'affollata processione del Giovedì Santo, che partita dalla chiesa di San Salvatore ha attraversato la porta di Sion fino al Cenacolo, il Custode di Terra Santa aveva ricordato come: "Lavare i piedi oggi significa ricordarsi dei poveri, degli ultimi. Ricordarsi che tutti siamo nati liberi e nessuno è schiavo”. 

Ma nelle “prigioni” di Gaza e della West Bank, sigillata in questi giorni di festa, la vita dei palestinesi è sempre più incerta. “Moderni schiavi” stretti nella morsa del regime di Hamas e dell'occupazione. Dove il rischio di una deriva generazionale, di una nuova “fabbrica” dell'ideologia fondamentalista di matrice Isis, è incombente. In queste ore quattro ventenni palestinesi di Gerusalemme Est sono stati accusati di appartenere ad un gruppo affiliato al Daesh, avrebbero tentato di recarsi in Turchia per poi unirsi alle milizie del Califfato. Nei quasi sei mesi di Intifada 2.0 hanno perso la vita 29 israeliani, 4 cittadini stranieri e quasi 200 palestinesi. Nell'omelia della messa alla Basilica della Redenzione il Patriarca di Gerusalemme Fouad Twal ha invitato i fedeli “a camminare con il Signore” per avere “più pace, più serenità”. 

E di pace in Terra Santa e nel mondo in questo particolare momento c'è un forte bisogno: “Il Medio Oriente senza i cristiani diventerebbe un altro Medio Oriente. Si trasformerebbe in un Medio Oriente di rovine, di pietre, di musei e non di pietre vive che danno testimonianza proprio nel luogo dove tutti gli eventi della salvezza si sono realizzati”. Sono le parole pronunciate dal Cardinale Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, al rituale della “Colletta per la Terra Santa”, la raccolta di offerte da devolvere alle congregazioni che, oltre alla custodia e mantenimento dei santuari, permettono di sostenere attività socio-educative in favore della popolazione in Terra Santa. 

In una regione così martoriata dalla violenza il concetto, non solo cristiano, di carità è una speranza. Iniziative umanitarie, piccole e grandi, che abbattono ponti, muri e fili spinati. Oltre 2 mila siriani hanno ricevuto, dal dicembre 2013 ad oggi, assistenza sanitaria in ospedali israeliani, molti sono donne e bambini. Dei 600 “nemici”, trattati nell'ospedale di Safed, l'80% presentava gravi traumi ortopedici. Grazie alle cure riportate e all'installazione di protesi la maggior parte dei degenti è in grado di camminare di nuovo. Gesti di carità umana che allietano questa Pasqua macchiata di sangue e sotto l'incubo del terrorismo.

Leggi anche su www.ilmedioriente.it

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Articoli dal Blog “Fauda e balagan” di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Cronaca