QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 22°26° 
Domani 23°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 25 giugno 2017

LA BIBLIOTECA DI BABELE — il Blog di Francesco Feola

Francesco Feola

Francesco Feola, cilentano di Ascea, da anni è emigrato a Pisa (per studio, per amore, raramente per soldi), dove si è laureato in Lingua e Letteratura Italiana, e dove ora è Dottorando di Ricerca in Studi Italianistici. Legge tanto e talvolta scrive qualcosa che lo soddisfa, strimpella una vecchia chitarra classica e come mentore di Pisa CoderDojo cerca di insegnare ai bambini a programmare.

​La sconfitta del Pisa che sa di vittoria

di Francesco Feola - martedì 11 ottobre 2016 ore 00:19

Per la prima volta sento il bisogno di esulare dall’argomento di questo blog, che parla normalmente di libri e di letteratura, per scrivere le mie impressioni a caldo su un’altra delle mie passioni: il calcio (che poi, agli amici e colleghi intellettuali che storcono il naso ogni volta che provo a parlare loro di “pallone”, vorrei tanto far capire come non siano per nulla in contraddizione i termini calcio e cultura, semplicemente perché anche il calcio è cultura). E dunque, facciamo conto di aver ritrovato in quest’allucinante biblioteca di Babele un tomo sul mondo pallonaro.

Ad ogni modo, quanto successo durante l’ultima partita di lega B (io preferisco sempre dire serie B) che si è giocata domenica scorsa all’Arena Garibaldi tra Pisa e Spal mi ha dato l’ennesima dimostrazione, anche se non ce n’era affatto bisogno, di che tempra siano fatti i tifosi neroazzurri.

Io tifo Salernitana, che tra l’altro quest’anno condivide con il Pisa la serie cadetta (e il 29 ottobre ci sarà l’incontro di andata allo stadio Arechi di Salerno: inutile dirlo, vinca il migliore!), e la nostra tifoseria è ben nota, in tutta Italia e anche all’estero, per il calore con cui sostiene i colori granata, per le spettacolari coreografie, per i cori assordanti oltre il novantesimo...

Sapevo già che anche la tifoseria del Pisa non è certo da meno: sono stato all’impianto (che in effetti necessita di qualche lavoretto) di via Ugo Rindi proprio per un Pisa-Salernitana, serie B, stagione 2008-2009, finita peraltro a reti inviolate. In quell’occasione la curva nord fu uno spettacolo davvero emozionante, da mettere i brividi (e infatti, è da quando vivo a Pisa che auspico un gemellaggio).

Eppure, nella partita contro la Spal giocata domenica 9 ottobre, sono riusciti a dare un messaggio ancora più importante. Uno stadio semideserto ha visto perdere la squadra di casa, beffata al 40esimo del secondo tempo dal gol che è valso tre punti pesantissimi per gli estensi (che tra l’altro venivano da un’altra vittoria, a Ferrara, proprio ai danni della Salernitana: squadra davvero ostica!).

Ennesimo atto, ovviamente, della spiacevolissima tragicommedia societaria di questi mesi: da un lato la famiglia Petroni che ancora non paga gli stipendi (alcuni, mi pare di aver capito, arretrati addirittura dalla passata stagione); e dall’altro una tifoseria che passa ai fatti, e promette la messa in mora della società se non rispetterà la scadenza del pagamento degli stipendi entro il 16 ottobre. E che, in una partita così importante, con un Pisa che viene da cinque risultati utili consecutivi, e una Spal diretta concorrente, sceglie di disertare lo stadio: 400 persone sugli spalti, e 2mila fuori dal Romeo Anconetani (altri presidenti...), a sostenere comunque la squadra, e a soffrire ancora di più.

Ma la sconfitta maturata a pochi minuti dal termine della partita lancia secondo me un messaggio forte e chiaro, alla società, alla squadra, e a tutto il mondo del calcio: senza la carica dei tifosi nerazzurri su quei gradoni, così come di qualsiasi altra tifoseria, sempre lì a cantare a squarciagola, gli undici di Ringhio Gattuso giocheranno sempre con un handicap non indifferente; e come contro la Spal, al di là del valore espresso in campo dalle due squadre, potrà succedere che perdano ancora.

Perché, questo deve essere sempre chiaro (e anche Claudio Lotito, a Salerno, troppo spesso se ne dimentica), la forza di ogni squadra di calcio sono i tifosi, tanto che la dicitura “dodicesimo uomo in campo” sembra ormai obsoleta e riduttiva. La tifoseria di una squadra è quella squadra. La tifoseria del Pisa è il Pisa. E la sconfitta contro la Spal lo ha dimostrato chiaramente. Una sconfitta che per i tifosi credo abbia, proprio per questo, il sapore amaro di una necessaria vittoria.

Francesco Feola

Articoli dal Blog “La biblioteca di Babele” di Francesco Feola

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca