QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 19°30° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 25 giugno 2019

Politica mercoledì 21 marzo 2018 ore 10:02

Candidature a sindaco di Pisa, gli scenari

Il centro destra stringe su Michele Conti incassando il sì di Forza Italia, il Pd cerca un accordo con Leu, la sinistra presenta il candidato



PISA — Si stringono i tempi per le candidature a sindaco di Pisa. Per ora quelle ufficiali sono tre, tutte civiche: Maria Chiara Zippel ( La nostra Pisa ), Antonio Veronese ( Patto civico ), Raffaele Latrofa ( Pisa nel Cuore, che continua i suoi incontri e ieri ne ha tenuto uno sulla sicurezza ), ma domani ne arriverà un'altra, quella del raggruppamento a sinistra di Una città in comune, Rifondazione Comunista e Possibile.

Il centro sinistra è a una svolta: il Pd ha proposto in modo unitario il nome dell'assessore Andrea Serfogli incassando i sì degli alleati "In lista per Pisa" e Riformisti, ma il no di Leu, che ha chiesto discontinuità e nomi nuovi. A livello nazionale l'input è quello di larghe alleanze e dunque la situazione sembra tornata in alto mare. Leu non ha mai fatto mistero di puntare su nomi della società civile, sui quali confluire in un programma unitario ( due su tutti, il presidente dell'area di ricerca del Cnr Domenico Laforenza e l'imprenditore Andrea Di Benedetto ), ma è di queste ore il rilancio di Paolo Fontanelli, deputato uscente, che sul suo blog è andato nuovamente all'attacco:"Ho letto che alcuni amici del PD, come Michele Passarelli Lio, chiedono a LeU di superare i veti su Serfogli e avanzare invece una propria proposta di candidatura.

Come se LeU fosse una componente dell’attuale maggioranza come le liste civiche. Ma è qui che si fa una forzatura inaccettabile, perché noi non facciamo parte della coalizione di maggioranza e non abbiamo, ovviamente, titolo a imporre un bel niente al PD. È evidente che per le liste civiche è naturale il discorso sulla continuità e l’accordo sui posti in giunta. Per noi no. 

Non cerchiamo posti ma poniamo l’esigenza di una proposta innovativa per far fronte allo “scontento diffuso” che abbiamo visto all’opera nelle elezioni del 4 marzo e che costituisce il principale carburante elettorale per la destra a traino leghista. Se questa valutazione non è condivisa pazienza. È del tutto legittimo che il PD si prenda la responsabilità di indicare un candidato, ma non può pretendere di imporlo anche a chi non fa parte della coalizione di centrosinistra attuale o di scaricare le responsabilità su altri."

Insomma la situazione sembra ingarbugliata e, probabilmente, verrà giocata anche su tavoli romani.

Sembra invece quasi risolta la vicenda che, nel centro destra, vedeva il mancato via libera di Forza Italia alla candidatura a sindaco di Michele Conti, 48 anni, direttore del consorzio agrario. Sul suo nome sono già confluiti Lega e Fratelli d'Italia. 

Nelle ultime ore c'è stata una riunione dei vertici locale del centro destra ( con foto di gruppo pubblicata sui social ) che sembra avere risolto i problemi e dunque già in settimana ci potrebbe essere l'ufficializzazione di Conti come candidato unitario.

Il Movimento Cinque Stelle resta in stand by. I candidati al momento sono sempre due: Gabriele Amore e Giulio Lisanti, proposti da diversi meet up e che dunque passeranno probabilmente al vaglio di primarie interne. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca