QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 16°23° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 20 aprile 2019

Attualità sabato 01 settembre 2018 ore 11:30

L'indifferenziato da oggi taggato e... pressato

Scatta la raccolta per la tariffazione puntuale. Per risparmiare ogni famiglia punta a meno di 40 conferimenti l'anno, così c'è chi pressa i sacchetti



CASCINA — A Cascina si parte ufficialmente con la raccolta dei rifiuti indifferenziati "taggati" perché da ieri, 31 agosto, la già discussa sperimentazione è terminata. Da qui alla fine dell'anno ogni utenza ha a disposizione 13 conferimenti, oltre i quali ci sarà un aggravio in bolletta, ecco perché c'è chi pensa di pressare i rifiuti indifferenziati.

 "Dal 7 settembre - ha ricordato l'assessore all'ambiente Luciano Del Seppia -, ogni venerdì, giorno della settimana dedicato al conferimento fuori porta del cosiddetto 'rifiuto secco residuo', gli addetti alla raccolta svuoteranno solo i bidoncini grigi dell'indifferenziato regolarmente dotati del proprio tag".

Il "tag" è l'etichetta elettronica recapitata per posta nelle scorse settimane alle utenze del territorio comunale di Cascina e identifica in maniera univoca ogni utenza e il rispettivo contenitore grigio. Chi non l'avesse ancora ricevuta deve contattare l'Ecosportello di via Palestro 2 a Cascina (in municipio), aperto il lunedì, il mercoledì e il giovedì dalle 9 alle 13 e il martedì dalle 15 alle 18 (telefono 050 719348, email ecosportello@comune.cascina.pi.it).

"L'applicazione dei tag sui bidoncini dell'indifferenziato è necessaria per introdurre la tariffa puntuale sulla raccolta rifiuti - ricorda ancora Del Seppia - che si basa sul calcolo del numero degli svuotamenti del contenitore grigio dell'indifferenziato. Ogni volta che una famiglia esporrà il contenitore fuori dalla porta l'addetto al ritiro registrerà il codice del tag. Le raccolte saranno 52 all'anno, una la settimana. Ogni utenza domestica potrà svuotare il proprio bidoncino dell'indifferenziato fino a 40 volte l'anno, una quota che ci sembra più che sufficiente per una famiglia media, senza ulteriori costi. Ogni svuotamento in più, invece, sarà conteggiato in bolletta ma sarà sicuramente compensato dai risparmi ottenuti dalla maggiore selezione del rifiuto e dalla conseguente riduzione della frazione indifferenziata, che ha costi molto alti per essere smaltita. Da venerdì 7 settembre, data in cui iniziamo con la misurazione ufficiale, gli svuotamenti senza aggravio in bolletta saranno 13 fino alla fine dell'anno".

"I cittadini saranno così incentivati a non gettare nell'indifferenziato rifiuti che invece dovrebbero essere gettati nell'organico o nel multimateriale leggero - continua l'assessore - ed avranno interesse a svuotare il mastello dell'indifferenziato solo quando questo sarà pieno. Il ritiro del rifiuto organico, della carta e del multimateriale non sarà a tariffazione puntuale, per cui risulterà più conveniente accrescere queste frazioni di raccolta differenziata, destinate quindi ad aumentare in percentuale e qualità, agevolandone il riuso, il recupero o lo smaltimento ma solo e soltanto se opportunamente selezionata".

"Ogni conferimento non idoneo da parte del cittadino - conclude l'assessore -, oltre che essere oggetto di sanzione, produce il rischio della valutazione di non conformità del rifiuto selezionato da parte del soggetto smaltitore, che lo tratterebbe alla stregua del rifiuto indifferenziato non riutilizzabile e per questo più costoso, con conseguente maggiorazione nei costi di smaltimento che ricadrebbero sulla collettività. Ecco perché saranno intensificati i controlli da parte degli operatori. Inoltre, in accordo con le associazioni degli amministratori di condominio, stiamo provvedendo ad una regolamentazione delle utenze condominiali sopra le dieci unità che prevederà l'istituzione di aree chiuse con contenitori carrellati taggati".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Attualità

Cronaca