QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 26 marzo 2019

Cronaca mercoledì 12 febbraio 2014 ore 19:13

"Nuovi cestini troppo piccoli per una zona tanto popolata"

I pareri dei commercianti di Corso Italia. Servono più pannelli esplicativi e più depliant: tocca a loro spiegare la differenziata



PISA — I cestini c'erano già. Da oggi nel centro di Pisa ci sono anche i depliant. È iniziata, nelle attività del centro, la campagna informativa sul corretto utilizzo dei nuovi cestini per la raccolta differenziata: 18 lungo Corso Italia, che saranno 300 in tutta la città. Quelli nei pressi di Piazza Vittorio Emanuele II e all’angolo di via San Martino sono dotati di pannello esplicativo in plexiglas.

La prima attività ad aver ricevuto i depliant è stato il tabacchi in piazza XX settembre.
Marco Luporini, proprietario di un negozio di abbigliamento del centro racconta: “Come stabilito, questa mattina mi hanno lasciato le brochure spiegandomi l’iniziativa e chiedendomi di fare altrettanto con i miei clienti distribuendole”.
In altre attività del centro invece, è stato distribuito un solo depliant, come successo in una caffetteria, dove Tina Rotondo spiega: “L’ho esposto, ma non so se passeranno a portarmene qualcun altro”.
Tra i commercianti, poi, c'è chi si dice fortunato, visto che ha vicino ancora il vecchio cestino dell'indifferenziata e chi lamenta che la gente continua a buttare le cicche delle sigarette davanti al suo negozio. Ma lì il cestino non c'è più. 

Diverse sono le opinioni relative all’effettiva utilità dei nuovi cestini e della campagna informativa. Antonella Giuntoli, proprietaria di un negozio in Corso Italia ritiene che “sarà difficile per i passanti fare raccolta differenziata. Dal corso, poi, passano ogni giorno migliaia di persone tra studenti, lavoratori e turisti, ma i cestini non sono abbastanza capienti da contenere i rifiuti che si possono accumulare in una via così frequentata”.

Alessandro Agostini, commerciante, dice: “Sono passati questa mattina a lasciarci i depliant, chiedendoci di tenerli in esposizione, così che anche i clienti ne possano prendere visione. L’idea di incentivare la raccolta differenziata è giusta, ma non so quanto sarà rispettata in una zona così congestionata”.

L’iniziativa coinvolge i commercianti del centro in una campagna di sensibilizzazione che per molti di loro è difficile effettuare data l’alta affluenza dei clienti. Come dice Elisa Balestri, erborista, “ci hanno lasciato una brochure, chiedendoci di esporla, ma forse aumentare il numero dei pannelli in plexiglas avrebbe reso l’informazione più immediata per i passanti”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità