QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10°14° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 19 marzo 2019

Attualità lunedì 15 dicembre 2014 ore 18:04

Natale 2014, più tasse e meno regali

Confcommercio Pisa: "Un natale sobrio, compromesso dalle tasse". Ridotto il budget spesa per i giovani. In ogni famiglia 41 euro in meno da spendere



PROVINCIA DI PISA — L'aumento delle tasse ha provocato un ulteriore crollo dei consumi, ma al regalo di Natale non si rinuncia.  Secondo un sondaggio condotto da Confcommercio-Format, l'85% degli italiani effettuerà acquisti durante le festività, soprattutto per i familiari più stretti e i parenti. 

Tre consumatori su cinque spenderanno meno del 2013 e quasi tutti hanno previsto un budget massimo non superiore ai 300 euro. Aumenta anche la percentuale di coloro che quest'anno hanno deciso di spendere meno di 100 euro (il 33,2% contro il 31,5% dello scorso anno). A ridurre gli acquisti di Natale saranno soprattutto giovanissimi fino ai 24 anni, le famiglie, la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni

Tra gli acquisti più desiderati dai consumatori, alimentari e giocattoli, mentre aumenta la tendenza all'acquisto del regalo tecnologico come smartphone, tablet, play station e affini. I regali saranno acquistati presso i punti vendita della grande distribuzione (64%), ma anche nei negozi tradizionali (55%). Crescono anche gli acquisti online, soprattutto per i più giovani (+7,9% rispetto al 2013).

“Un natale sobrio e con poco entusiasmo – commenta Federica Grassini, presidente di ConfcommercioPisa -. Tredicesime e bonus di ottanta euro serviranno soprattutto per pagare le tasse, a maggior ragione per i pisani, quasi unici in Italia a dover pagare anche la tassa di scopo. Il reddito disponibile pro capite reale è tornato indietro di 27 anni, i consumi reali sono retrocessi di 17 anni, a queste condizioni è impossibile aspettarsi un Natale scintillante. I saldi invernali, che in Toscana inizieranno il 3 gennaio e non il 5 come scrive qualcuno erroneamente, possono rappresentare una boccata d'ossigeno sul volume delle vendite, ma i margini di guadagno per gli imprenditori restano fin troppo risicati, compromettendo alla fine gli investimenti futuri”.

“Tasse, tasse e ancora tasse e i consumi ne risentono anche sotto Natale – spiega il direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli- Tra Ici/Imu/Tari, canone Rai e tasse automobilistiche si spenderà il 18% in più dello scorso anno, con la tredicesima effettivamente disponibile per i consumi che si abbassa del 3,2% in meno rispetto al 2013, ovvero 41 euro in meno a famiglia. Le tasse si porteranno via un miliardo e 400 milioni di euro di potenziali acquisti!”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità