QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11°14° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 21 maggio 2019

Cronaca domenica 29 marzo 2015 ore 16:05

Donna aggredisce medici e carabinieri, arrestata

Prende a schiaffi un militare poi accusa un malore. In ospedale pretende di farsi l'iniezione da sè: "Mi faccio da quando avevo 12 anni, sono capace"



PISA — Nella tarda serata di ieri c'è stata una lite tra due donne e il gestore di un bar in viale Gramsci. Quest'ultimo ha chiesto l'intervento dei carabinieri.

Identificate, le donne sono risultate essere entrambe molto ubriache. Alla vista delle forze dell’ordine, una delle due si calma subito e viene fatta allontanare, ma l’altra, P.A., classe 1968, dà in escandescenza. Già conosciuta ai militari, il controllo incrociato con gli operatori della centrale, fa emergere in banca dati un rintraccio per la notifica di un atto: la donna deve essere portata in caserma ma fa resistenza. Inizia ad offendere i militari che prima cercano di persuaderla ad entrare nell’autovettura, per poi caricarcela di forza. Nell’auto la donna, nonostante sia ammanettata, continua a dimenarsi e a dare testate alle protezioni in plastica, costringendo uno dei militari a sedersi accanto a lei sul sedile posteriore.

All’arrivo in caserma le vengono tolte le manette, ma la donna sferra un violento schiaffo ad un carabiniere procurandogli alcune ecchimosi (sarà poi refertato al pronto soccorso) e inizia nuovamente a dimenarsi, offendere e scalciare. Resa inoffensiva, ha lamentato un malore. I militari hanno quindi fatto intervenire un’ambulanza. Anche al pronto soccorso, la donna non si calma e inizia a offendere anche i medici, ritenuti a suo dire “incapaci perfino di fare una puntura”. Ha preteso quindi di provvedere lei stessa all’iniezione: “Mi faccio da quando avevo dodici anni e quindi sono capace”

Solo dopo un’ora si addormenta.

I carabinieri nel frattempo, scrivono il verbale di arresto per resistenza, Il pubblico ministero di turno, dispone per l’arrestata l’immediata liberazione non ritenendo di dover adottare nessuna misura cautelare. Contestati alla donna i reati di violenza, resistenza, lesioni e minaccia a pubblico ufficiale, oltraggio ed ubriachezza molesta.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità

Cronaca