QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 23° 
Domani 20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 marzo 2019

Politica giovedì 09 febbraio 2017 ore 18:20

Il rilancio della Costa passa da tre direttrici

Mazzeo con Nardini e Cantone

Approvato il piano strategico per lo sviluppo della costa Toscana con tre parole d'ordine: infrastrutture, sviluppo, ambiente



FIRENZE — Un anno e mezzo di lavoro, 26 sedute di aula, 8 visite sul territorio, 30 audizioni tra soggetti singoli e associazioni. Questo ha richiesto l’elaborazione del Piano strategico per lo sviluppo della costa Toscana 2016-2020, che è stato approvato dalla commissione per la Ripresa economico-sociale della Toscana costiera presieduta da Antonio Mazzeo (Pd).

Il contenuto del piano è stato presentato dal presidente, il vicepresidente Enrico Cantone (M5S) e il segretario Alessandra Nardini (Pd).

Il documento è stato approvato a maggioranza, con il voto favorevole del Pd, l’astensione della Lega nord, il voto contrario di M5S e di Sì – Toscana a sinistra.

Individuate tre grandi linee di intervento: infrastrutture, sviluppo economico e turismo, ambiente e territorio. Il tutto partendo dalla riorganizzazione dell'assetto istituzionale e dal superamento dei localismi. 

Tra questi la creazione del brand “Costa di Toscana”, la nascita di un polo di economia circolare, un progetto pilota per creare valore dal riuso dei rifiuti, la nascita del polo unico di innovazione, sotto le cui ali riportare l’industria 4.0 e condividere idee innovative e risorse.

Ci sono poi gli obiettivi di rafforzare e velocizzare i collegamenti fra l’interno e la costa, di valorizzare le isole, di completare le grandi opere, di effettuare bonifiche del territorio e di combattere l’erosione costiera. Il tentativo è quello di recuperare 18 mila posti di lavoro, di ridurre il gap con la Toscana centrale e di attrarre nuovi investimenti.

Come ha spiegato il presidente della Commissione Mazzeo, “per la prima volta con questo piano abbiamo una visione non parziale, non segmentata, non ‘provinciale’ ma una visione unitaria e di prospettiva strategica della costa toscana”. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca