QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 febbraio 2019

Lavoro mercoledì 16 gennaio 2019 ore 08:14

Molino Rossi, si cercano soluzioni

Crisi aziendali: licenziamento lavoratori Molino Rossi, mozione unanime in Regione per sostegno e ricerca nuove soluzioni



FIRENZE — Il Consiglio regionale ha approvato con voto unanime nella seduta di ieri, martedì 15 gennaio, una mozione sul “licenziamento dei lavoratori del Molino Rossi di Ripafratta, nel Comune di San Giuliano Terme”. La mozione è stata sottoscritta dai consiglieri di tutti i gruppi politici: Alessandra Nardini, prima firmataria, Andrea PieroniAntonio Mazzeo (Pd); Elisa Montemagni (Lega Nord); Paolo Sarti e Tommaso Fattori (Sì-Toscana a sinistra); Monica Pecori (Gruppo misto-Toscana per tutti); Maurizio Marchetti (Forza Italia).

L’atto impegna la Giunta regionale a “continuare nella propria azione di vicinanza e sostegno ai lavoratori del Molino Rossi”, in attesa “che il Tribunale di Pisa si esprima sulla vicenda” e nella prospettiva che le istituzioni, “in sinergia tra loro, si impegnino a supportare l’individuazione di un percorso, che passa attraverso anche il coinvolgimento di nuovi soggetti imprenditoriali, in grado di dare un futuro alla storica attività di Ripafratta”. Si dovrà partire “dalle risorse umane licenziate e portatrici di una cultura del lavoro maturata nel corso degli anni e quindi insostituibile per un nuovo inizio della produzione, nonché, in un’ottica più generale, al fine di scongiurare le ricadute negative in termini sociali, che la cessazione dell’azienda avrebbe per il territorio pisano”.

L’azienda nata nel 1898 sul canale di Ripafratta nel Comune di San Giuliano Terme (Pisa) è stata presente sul mercato fino a pochi mesi fa. La società ha presentato al tribunale di Pisa una richiesta di concordato preventivo in bianco per la grave situazione debitoria, costata il posto di lavoro a venticinque dipendenti, oltre a varie decine nell’indotto. In attesa del pronunciamento del Tribunale, tutte le istituzioni devono muoversi in modo sinergico nella prospettiva di individuare un percorso, anche con altre forze imprenditoriali, per dare un futuro a questa realtà.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Lavoro