QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 22°25° 
Domani 22°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 17 giugno 2019

Cronaca sabato 11 gennaio 2014 ore 00:27

Gestione rifiuti, l'assessore Picchi rinviato a giudizio

Il processo si apre il 28 maggio



PISA — Il processo si aprirà il 28 maggio. C'è anche l'assessore provinciale di Pisa Valter Picchi tra gli imputati del caso Cermec e Erre Erre, le due aziende che gestivano il trattamento dei rifiuti nella provincia di Massa.
A divulgare la notizia è stato proprio lo stesso Picchi attraverso una nota stampa. Il sostituto procuratore massese ipotizza per i soggetti coinvolti vari reati tra cui l’associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, alla concussione, alla truffa in danno l’Unione Europea e all’abuso di ufficio. Tra le parti lese dai presunti illeciti commessi in questa vicenda invece vi è la Belvedere spa che gestisce la discarica di Legoli e che da tempo ha intentato una causa civile contro le due aziende che non avrebbero pagato parte dello smaltimento dei rifiuti inviati proprio a Peccioli per essere stoccati.


“Vivo tutto questo – ha dichiarato l’assessore – con profondo stupore, disappunto e amarezza, perché neanche per l’accusa avrei ottenuto qualche vantaggio da questa mia asserita partecipazione: il che sembra incredibile, ma è davvero così! Soprattutto, perché le condotte che dovrebbero dimostrare questa mia partecipazione “no profit” sono condotte che ancora oggi tornerei a tenere e di cui sono assolutamente fiero: continuo infatti ad essere convinto che si dovesse trovare il modo per far terminare, una volta per tutte, il conferimento alla discarica di Peccioli dei rifiuti prodotti a Massa e che Massa finalmente si dotasse di un impianto, fra l’altro strategico per tutta la costa toscana, di produzione di combustibile da rifiuto”.

Amaro in bocca poi per l’assessore pisano anche per l’udienza preliminare, dove il giudice iniziale è stato sostituito da un altro di un altro tribunale quando ormai l'istruttoria era stata compiuta e si trattava solo di tirare le conclusioni: “Resto infatti dell’idea – ha dichiarato Picchi – che ciò abbia influenzato non poco la decisione finale di rinviare a giudizio tutti gli imputati e sostanzialmente per tutte le imputazioni, scelta questa che costituisce in realtà la soluzione più deresponsabilizzante, demandando ad altri, ovvero al Tribunale, la parola definitiva sul fondamento dell’accusa mossa”.

L’assessore provinciale all’ambiente, sembra non perdersi d’animo e conclude la nota stampa riponendo le sue speranze nel giudizio dibattimentale: “In questa sede – ha detto infine – l’assoluta inconsistenza dell’accusa che mi è stata rivolta potrà essere agevolmente dimostrata”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca