QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 5° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 24 gennaio 2019

Interviste sabato 06 agosto 2016 ore 06:18

"Un progetto per Pisa o perdiamo le elezioni"

"Basta divisioni", dice il deputato Maria Chiara Carrozza. "E basta con le parcellizzazioni, dobbiamo avere visioni unitarie"



ISOLA D'ELBA — "Dobbiamo scegliere un progetto di città o perderemo le elezioni". E' un appello molto politico quello che Maria Chiara Carrozza lancia a latere dell'incontro elbano di cui è stata ospite per i cinquant'anni dell'associazione Italia Nostra.Pur in una sera estiva immersa nel parco della Linguella, l'ex ministro della pubblica istruzione rivolge il pensiero a Pisa e chiama il partito pisano a scuotersi da divisioni e attriti. Il rischio è, appunto, quello di perdere la città.

Onorevole, andiamo al punto: il suo nome gira sempre di più come prossimo candidato sindaco. Si butta?

"No. Non so perchè ci siano queste voci ma non è questo il mio progetto per ora. Voglio solo dare il mio contributo al partito"

E se glielo chiedessero in nome della ragion di Stato?

"In quel caso valuterei la decisione"

Ma ora è sempre più immersa nella realtà pisana. Una visione per Pisa ce l'ha

"Certo, idee per Pisa le ho ma non vedo il mio futuro in tal senso"

Allora diciamo che glielo chiedano: qual è la sua idea di città?

"Il problema di Pisa è la parcellizzazione delle varie realtà, ambiti di città che non comunicano fra di loro. L'università non parla con i commercianti che non parlano con le istituzioni e via dicendo. C'è bisogno del coraggio di una visione che tenga insieme tutto, che intorno alle eccellenze costruisca la città che Pisa deve diventare"

Sembra di capire che questo non sia stato fatto finora

"Dobbiamo capire che il mondo intorno è cambiato e la città con lui. Dobbiamo capire che sono cambiate le esigenze e anche gli elettori"

La ferita cascinese è ancora viva?

"Dobbiamo imparare anche dalle sconfitte"

Le divisioni all'interno del partito possono aver avuto un peso determinante. Verso quale direzione si muoverà il PD pisano? Facciamo i nomi: Fontanelli o Mazzeo?

"Il punto non sono Paolo o Antonio, loro devono essere il punto di partenza per un futuro che deve essere unitario altrimenti, parliamoci chiaro, rischiamo i voti della nostra gente"

Chiudiamo su Rossi: che ne pensa della sua scalata alla segreteria?

"Rossi sta facendo un percorso legittimo all'interno del partito. E' un percorso che non mi appartiene ma se ha una sua idea di partito fa bene a provarci"

Luca Lunedì



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cultura