QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17°18° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 15 ottobre 2019

Politica domenica 28 dicembre 2014 ore 12:29

Letta: "Da Pieroni comprerei un'auto usata"

Andrea Pieroni e Enrico Letta

Le parole dell'ex premier per il candidato al Consiglio regionale con il Pd: "Una persona affidabile"



PISA — "Una persona competente, della quale ci si può fidare". Eccolo, il candidato al Consiglio regionale con il Pd Andrea Pieroni secondo l'ex presidente del cCnsiglio dei ministri Enrico Letta.

"Lo conosco da quando avevamo i calzoni corti", ha ricordato in un incontro che si è svolto ieri a Pisa. "Già allora – ha detto Letta – ero dell'idea che le persone che fanno politica
devono essere al servizio delle istituzioni e non il contrario”.

"Pisa è la mia città – ha detto - e sono qui per un brindisi con gli amici di sempre, convinto che la politica deve ripartire dai territori, che devono trovare la forza di risollevarsi, con l'aiuto di tutti".

In questa direzione è andato il momento di riflessione, che Enrico Letta e Andrea Pieroni hanno voluto condividere con una cinquantina di amici e amiche.Un brindisi di speranza per il nuovo anno e un momento per sostenere la
candidatura al consiglio regionale di Andrea Pieroni, perché come ha detto Letta “la politica deve ripartire dalle persone per bene, competenti e oneste. In tempi come questi per la politica, ciò che conta sono le persone e Andrea Pieroni ha queste caratteristiche. Ed è competente: per dieci anni ha guidato
la provincia di Pisa e la conosce bene nei sui vari aspetti”.

"Andrea è una persona affidabile”, ha detto Letta prima di ricordare uno slogan
che ha fatto la storia della politica internazionale. Rispolverando il celebre
poster della campagna elettorale per le elezioni presidenziali statunitensi del
1960, che consacrarono il candidato democratico John F. Kennedy, l'onorevole ha
garantito: “Da Andrea Pieroni io comprerei un'automobile usata”.

Poi ha voluto ringraziare Pier Paolo Tognocchi, consigliere regionale uscente,
per lo straordinario lavoro svolto in consiglio regionale negli ultimi 10 anni e per la capacità aggregativa che ha dimostrato. Il primo pensiero di Pieroni, invece, è andato ai dipendenti della provincia di Pisa che in queste ore stanno vivendo momenti di incertezza occupazionale. “Il futuro dei lavoratori della provincia – ha detto - è stato uno dei pensieri più assillanti negli ultimi mesi del mio mandato. La mia giunta e io avremmo voluto concludere diversamente il mandato, senza questa situazione. Ora deve essere trovata una soluzione  adeguata che elimini ogni incertezza".

“Dell'esperienza in provincia – ha detto Pieroni - mi rimane una profonda conoscenza del territorio pisano che vorrei mettere a disposizione del Consiglio regionale. Tanto più che con la riorganizzazione in atto, molte delle
competenze della provincia passeranno alla Regione”.

Poi la questione delle elezioni, che quasi certamente slitteranno a maggio.
“Pensavamo di andare a votare prima – ha detto Pieroni -. Vorrà dire che avremo
due mesi in più per incontrare le persone, ascoltarle, sentire i loro problemi
e spiegare loro le nostre proposte per il territorio della provincia di Pisa e
per la Toscana perché - come ha sottolineato Enrico Letta - la politica deve ripartire dalle persone. Le recenti elezioni in Emilia Romagna ci devono far riflettere sulla situazione che stiamo vivendo e sulla distanza che si è creata tra cittadini e istituzioni”.

Pieroni ha concluso dicendo: “Sul 2015 si proiettano tutte le speranze, le
aspettative di crescita e le nuove opportunità. L'augurio è che nel 2015 ci sia
un'inversione di tendenza per la quale tutti dobbiamo lavorare. Nel nuovo anno noi
dovremo creare le condizioni perché le aziende possano crescere e creare posti
di lavoro
per aiutare quel 40 per cento di giovani che non riesce ad entrare nel mondo
del lavoro e per chi il lavoro lo ha perso da adulto”.



Tag

Siria, Conte: «Italia capofila sullo stop alle armi», poi perde la pazienza con il cronista: «Mi faccia rispondere»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Sport

Lavoro