QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11°22° 
Domani 10°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 23 maggio 2019

Politica sabato 07 febbraio 2015 ore 08:30

Luoghi di culto, proposta di legge di Forza Italia

Impianti di sicurezza e impatto architettonico tra i punti da trattare. Intanto a Pisa si terrà un incontro organizzato dal comitato No Moschea



PISA — Omogeneità dal punto di vista architettonico e paesaggistico, adeguata distanza da altri luoghi di culto, adeguate infrastrutture senza alcun onere a carico della regione, impianti di sicurezza, referendum consultivo ove richiesto da un congruo numero di cittadini.

Sono queste le principali caratteristiche che dovranno avere gli edifici di culto secondo la proposta di legge regionale presentata da Forza Italia su iniziativa del consigliere regionale e vicecoordinatore regionale di Forza Italia Tommaso Villa e firmata dalla Portavoce dell’opposizione Stefania Fuscagni, dal capogruppo Giovanni Santini e dal consigliere regionale Nicola Nascosti.

Di luoghi di culto si parlerà anche nella sala del Consiglio provinciale di Pisa, oggi alle 15,45, dove si terrà un incontro con Daniela Santanchè e Magdi Cristiano Allam organizzato dal comitato No moschea, a cui parteciperà anche il consigliere regionale lombardo Fabio Altitonante, tra i promotori della legge regionale recentemente approvata.

Le disposizioni riguardano la realizzazione di aree o spazi destinati al culto delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha già siglato intese o comunque a tutte le confessioni che abbiano una presenza organizzata a livello locale. “Tali confessioni – recita il testo – devono stipulare una convenzione a fini urbanistici con il Comune interessato e devono prevedere il pieno e incondizionato rispetto dei principi e dei valori della Costituzione e delle normative di pubblica sicurezza vigenti”.

Nel dettaglio la proposta di legge prevede che prima della realizzazione di ogni opera destinata al culto: siano espletate procedure di partecipazione – compreso il referendum consultivo, se richiesto – e ottenuti i pareri di questura e prefettura, al fine di valutare eventuali profili di sicurezza pubblica; sia tutelato l’impatto architettonico e paesaggistico dei nuovi edifici di culto; sia verificata la presenza di strade di collegamento adeguate; se assenti se ne deve prevedere la realizzazione con oneri a carico dei richiedenti; sia garantita la distanza minima di 800 metri tra aree ed edifici di culto; sia verificata la presenza di un parcheggio pubblico di misure adeguate; sia garantita la presenza di una fermata di linea del trasporto pubblico a non meno di 1600 metri dall’ingresso del luogo di culto; sia prevista una realizzazione degli spazi senza alcuna differenziazione di genere tra uomini e donne e sia previsto un impianto di videosorveglianza esterno all’edificio.

"Nessuna volontà di limitare la libertà di culto - commenta Villa- ma le nuove dinamiche in atto anche in Toscana impongono una regolamentazione che non penalizzi nessuno, ma che metta dei paletti di buon senso per ogni confessione. La Regione Lombardia ha recentemente approvato una legge simile a quella che noi proponiamo oggi: confido che anche la Toscana percorra la stessa strada".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Spettacoli

Sport

Attualità