QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 27°33° 
Domani 26°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 giugno 2019

Politica martedì 03 giugno 2014 ore 10:30

Mai con di Maio, ma nessun dialogo coi 5 stelle

L'accusa di Noi adesso San Giuliano e fratelli d'Italia secondo cui il movimento stellato ha bloccato il dialogo



SAN GIULIANO TERME — Non ci sarà mail il sostegno per il candidato del centrosinistra di Maio e Noi Adesso San Giuliano e fratelli d'Italia si sarebbero aspettati un confronto col candidato dei cinque stelle per capire eventualmente se e come unirsi al ballottaggio. Così però non é stato ed ecco il perché di questo comunicato duro da parete dei due partiti: "E' innanzitutto doveroso ringraziare gli elettori che ci hanno dato fiducia: consideriamo soddisfacente il nostro risultato considerato che sia FDI che NOI adesso SGT esistono da poco più di due mesi. Abbiamo superato partiti come il Nuovo Centro Destra di Giuseppe Tizzanini e Fabrizio Grossi che hanno portato a San Giuliano sottosegretari, parlamentari nazionali ed europei e che hanno una visibilità sui media nazionali.I toni arroganti del NCD, di Forza Italia e di una Rediviva UDC (che ogni 5 anni si fa viva nel nostro comune solo in campagna elettorale) sono stati puniti: se non si fossero sottratti al confronto delle primarie e tutti assieme avessimo scelto un unico candidato condiviso, saremmo andati noi al ballottaggio e non certo il M5S. E' fin troppo scontato che non voteremo mai per Di Maio, essendoci candidati in alternativa al sistema di potere che rappresenta e che ha governato così male San Giuliano per tanti anni. Proprio per questo ci saremmo aspettati un appello di alto profilo da parte del candidato sfidante a tutti le forze politiche alternative al PD; un appello su cui fondare il cambiamento nel rispetto dell'autenticità di chi - al pari suo - si è candidato in alternativa. dobbiamo al contrario registrare un atteggiamento di assoluta chiusura che interpretiamo come miope e poco lungimirante. Il sottrarsi al confronto in maniera pregiudiziale e dogmatica assomiglia, a nostro parere, più a una guerra di religione che ad una sana competizione politica. Rifiutiamo l'idea che tutti i partiti sono uguali e solo loro i bravi.Porteremo avanti la nostra battaglia di cambiamento e di alternativa radicale al PD e ai suoi alleati con dedizione, passione e serietà, consapevoli di essere gli unici rappresentanti dell'elettorato di centrodestra che non accetta inciuci e compromessi.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Politica

Cronaca