comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:24 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 25 novembre 2020
corriere tv
Morto Maradona, quando si raccontò a Kusturica: «La droga? Immaginati che giocatore sarei stato senza cocaina»

Cultura lunedì 27 ottobre 2014 ore 12:39

I luoghi del percorso artistico di Modigliani

Oltre alla mostra principale a Palazzo Blu c'è anche l'esposizione dedicata ai luoghi in cui visse e lavorò l'artista livornese



PISA — Modigliani a Pisa si fa in “due” oltre alla mostra principale Modigliani et ses amis c'è anche la collaterale I luoghi di Modigliani allestita sempre a Palazzo Blu entrando da via Toselli. Tra Livorno e Parigi allestita con fotografie e testi di Luca Dal Cantoe illustrazioni di Enrica Mannari.

La mostra resterà aperta dal 17 ottobre all’11 dicembre e dal 10 gennaio al 15 febbraio. L'esposizione è a ingresso gratuito entrando da via Toselli oppure è visitabile come percorso finale del Palazzo Blu, entrando con il ticket per la mostra principale.

La mostra, già visitata da un numerosissimo pubblico, integra e in parte completa la mostra “Amedeo Modigliani et ses amis” di Palazzo Blu, poiché il viaggio fotografico di Luca Dal Canto, artista e videomaker, riscopre il Modigliani sia come artista sia come uomo.
 Dal Canto, infatti, nel ripercorrere gli itinerari modiglianeschi a Livorno e Parigi, indaga, da un lato, come – e quanto – quei luoghi siano mutati in circa un secolo di cambiamenti sociali, urbanistici e culturali; dall'altro ripercorre, proprio attraverso gli scorci offerti dalle due città, la vicenda artistica e umana di Modigliani. E lo fa attraverso 56 fotografie che ritraggono 45 luoghi (7 nella città natale e 38 nella capitale francese) legati alla figura dell’artista, così come sono oggi.

“L’occhio contemporaneo ma affettuoso di Luca Dal Canto– scrive Giorgio Cricco nella prefazione al libro-catalogo I luoghi di Modigliani. Tra Livorno e Parigi” –restituisce con rigore documentario non solo il diario (nel senso di scansione cronologica) di un percorso artistico, quanto il mutamento del panorama urbano di un secolo”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Attualità