QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 27°33° 
Domani 26°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 giugno 2019

Politica giovedì 23 aprile 2015 ore 07:10

Nocchi:"7 progetti che voglio portare in Regione"

Aeroporto, edilizia scolastica, litorale, mobilità urbana, Ospedaletto, coltano, scolmatore e tangenziale Nord-est



PISA — "Per Pisa non serve inventare assurdi tavoli, ma buone idee da portare di luoghi in cui si decide". Lo dice il candidato Pd per la provincia di Pisa Francesco Nocchi: "Avere l'autonomia necessaria per farli valere a dispetto degli interessi di corrente o dei desiderata di Firenze. La città in questi anni, ha in cantiere importanti progetti, che riguardano il centro e le periferie, Pisa ha dimostrato di avere idee: ha ricevuto finanziamenti importanti e ha dimostrato di saperli spendere bene e nei tempi concordati. Ora servono nuovi obiettivi: 7 grandi progetti che devono vincere e che voglio portare in Regione".

Aeroporto. Completare gli investimenti per il “Galilei” per raggiungere l’obiettivo dei 7 milioni passeggeri, a partire dal treno veloce Pisa-Firenze. La velocizzazione darebbe alla costa toscana una più rapida accessibilità alle linee di alta velocità che attraversano l´Italia centrale. Ricordiamoci che la vera area metropolitana, motore della Toscana (e luoghi tra i più dinamici d’Italia), è quella tra Pisa e Firenze. Non dimentichiamo che a Pisa transitano dalla stazione oltre 18 milioni di passeggeri.

Edilizia scolastica. Investimenti per le manutenzioni delle scuole, il nuovo Buonarroti è una priorità, serve un impegno della Regione in cooperazione con il Governo che ha maggiore responsabilità.

Litorale pisano. Urbanizzare per accogliere turisti e nuovi residenti intorno al Porto e recuperare il lungomare di Marina e la Piazza centrale di Tirrenia. Negli ultimi 15 anni la fascia costiera tra Marina di Pisa e Calambrone ha visto importanti investimenti in piani di recupero che hanno portato alla rinascita delle ex colonie e a nuovi insediamenti abitativi. Proseguono gli interventi del Comune per quel che riguarda i servizi di utenza (come l’ampliamento della fognatura nera). Il porto è sicuramente l’opera più incisiva negli asset di quel territorio, al quale devono corrispondere infrastrutture per ottimizzare la ricettività. La Regione può e deve realizzare per il litorale pisano una promozione ad hoc.

Mobilità urbana. Dare il via libera alla busvia elettrica in sede protetta dalla Stazione all’Ospedale di Cisanello. Meno auto e più mezzi pubblici a inquinamento zero, che attraversino la città senza rischi di ritardo grazie a percorsi indipendenti dal traffico urbano, confortevoli e che riducano i tempi di percorrenza necessari. Il nostro ospedale è fortemente attrattivo, per pazienti che arrivano da fuori Pisa e fuori dalla Toscana: questi creano traffico ed un alleggerimento garantirebbe riduzione dell’inquinamento, del traffico e delle buche nelle strade.

Ospedaletto e Coltano. Nuovi investimenti per aziende e servizi, con urbanizzazioni, miglioramento dell’ambiente e riqualificazione energetica; promozione del riuso dei volumi abbandonati o sottoutilizzati, cura della viabilità e per il mantenimento dei servizi. A Coltano inoltre occorre fare piena chiarezza sulle proprietà delle strade e degli immobili per poterci intervenire, far vivere il borgo con ristrutturazioni ad uso abitativo degli immobili esistenti e con il mantenimento dei servizi.

Scolmatore dell'Arno. E’ necessario finanziare il progetto intero, per mettere in sicurezza Pisa e la piana dell’Arno. Un primo investimento di 15 milioni (12 dalla Regione, 3 dall’Autorità portuale di Livorno) è arrivato, ma si devono raggiungere 51 milioni di euro per completare i quattro lotti di intervento. Si tratta di un’opera di importanza strategica per la sicurezza del nostro territorio, in particolare per fare defluire in un assetto idrogeologico ottimale, aumentando la portata, le acque delle piene e mettere al sicuro il territorio tra Pisa e Pontedera.

Tangenziale nord-est. Impegno per realizzarla entro il completamento del Nuovo Ospedale S. Chiara di Cisanello. La strada, a servizio dell’ospedale di Cisanello che prosegue la sua espansione, ha una valenza strategica per Pisa e l’area pisana. I progetti ci sono, la volontà anche, ma deve essere la Regione a mettere sul piatto la parte più sostanziosa del finanziamento, viste le difficoltà che attraversano le province e i comuni.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Cronaca