QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 23° 
Domani 20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 marzo 2019

Politica venerdì 13 ottobre 2017 ore 16:08

Aeroporti, Il M5s chiede chiarezza sul comarketing

Nel mirino dei consiglieri pentastellati i contributi che sarebbero stati ricevuti dalla compagnia irlandese low cost Ryanair



PISA — Il Movimento 5 Stelle, dopo il rinvio al prossimo Consiglio regionale della discussione sulla sua mozione in merito al piano esternalizzazioni di Toscana Aeroporti, ha presentato anche un’interrogazione sul “co-marketing” con compagnie low cost.

“Da tempo, decreto 145/2013, Toscana Aeroporti sa che deve realizzare procedure concorrenziali per scegliere i vettori cui dare dare contributi, sussidi o qualsiasi altra elargizione per lo sviluppo delle rotte. Procedure i cui esiti vanno comunicati ad ENAC entro il 31 gennaio di ogni anno e che includono il cosiddetto “co-marketing”, ovvero “iniziative di promozione territoriale e attività turistica” pagate in cambio di voli quotidiani che portano passeggeri. Una zona grigia dentro cui stanno elargizioni multimilionarie soprattutto alle compagnie low cost che possono drogare il mercato. E come si sa la droga crea dipendenza con tutte le conseguenze del caso relative” così Irene Galletti, consigliera regionale M5S firmataria dell’interrogazione sul tema rivolta alla giunta regionale.

“I cittadini hanno iniziato a convenire con noi sul fatto che la dipendenza dell’aeroporto di Pisa da Ryanair sia figlia di una miopia di governo del gestore, oggi Toscana Aeroporti, capace di generare problemi economici ed occupazionali a seguito della minima crisi del vettore, come dimostrato proprio nell’ultimo mese” prosegue la vicepresidente della Commissione Sviluppo Economico.

“Ma ancora molti di questi cittadini ignorano la seconda parte della storia: la convenienza per Ryanair di stare a Pisa non è arrivata tanto dal mercato, importante, dei passeggeri da e per la nostra Regione che scelgono lo scalo, quanto dalle elargizioni del gestore dello scalo spesso fornite proprio tramite la formula del “co marketing”. I nostri parlamentari hanno scoperto che Ryanair avrebbe ricevuto così circa 11 milioni di euro l’anno. Un importo considerevole, finito ad una società irlandese – quindi con regime fiscale agevolato – senza troppo riguardo anche per questioni come le condizioni lavorative del personale” sottolinea Galletti.

“Vogliamo capire se tra i 100 milioni che Ryanair avrebbe ricevuto dal gestore dell’aeroporto di Pisa, che ha sempre avuto tra i suoi comproprietari la Regione, ci sono finiti anche i soldi dei toscani. E nel caso a quanto ammonti questo contributo e come sia stato elargito” aggiunge la consigliera regionale M5S che conclude “Siamo consapevoli del fatto che Ryanair ha consentito a milioni di cittadini – soprattutto giovani - di poter viaggiare a costi ragionevoli, spesso anche per questioni cruciali come il ricongiungimento familiare. Ma la serietà ci impone oggi di esigere trasparenza sulle scelte di chi ha governato le nostre istituzioni e il controllo di efficacia su queste: i toscani hanno pagato Ryanair solo all’atto d’acquisto del biglietto o quel biglietto era così basso perché lo pagavamo, senza saperlo, tutti quanti?”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca