QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17°21° 
Domani 19°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 17 giugno 2019

Cronaca sabato 20 agosto 2016 ore 14:10

Aggredito Alessandro Trolese

Brutto episodio in piazza Vittorio Emanuele. Preso di mira il presidente di Confcommercio centro storico Alessandro Trolese, noto imprenditore pisano



PISA — "La sicurezza in piazza Vittorio Emanuele II sta progressivamente degenerando". 

Sono le parole usate dalla Confcommercio per commentare l'episodio avvenuto nelle ultime ore: l'aggressione ieri, venerdì 19 agosto, da parte di due nordafricani all'imprenditore Alessandro Trolese, titolare del bar Kinzica e presidente del Centro storico di ConfcommercioPisa: “Viviamo costantemente sotto assedio, malintenzionati entrano nei locali e si comportano da padroni, trattano male i nostri dipendenti, disturbano gli altri clienti. Non hanno difficoltà ad alzare le mani e davvero rendono impossibile lavorare, che è quello che vogliamo. Lavorare nella massima serenità, noi e i nostri collaboratori. E' tanto che chiediamo un intervento, ad oggi ci sentiamo completamente abbandonati”.

Sul progressivo deterioramento di piazza Vittorio Emanuele interviene anche il direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli: “Gli imprenditori che lavorano nella zona ci segnalano una situazione di forte deterioramento con crescenti disagi e preoccupazione diffusa nella clientela e tra i turisti. Aumenta a dismisura il numero di spacciatori nordafricani che occupano i loggiati sotto la provincia, con un controllo del territorio a fini criminali che comporta anche l'esplosione di scontri fisici e risse. Come accaduto ieri, martedì scorso, molte altre volte in passato e come potrebbe accadere in ogni altro momento”.

“La piazza, molto frequentata, ad un passo dalla stazione e che introduce i visitatori sull'asse commerciale merita il massimo del rispetto e dell'attenzione possibili e non può essere lasciata in mano a spacciatori e affini” – questo l'appello del direttore Pieragnoli che conclude: “Occorre che i controlli effettuati alla stazione siano allargati anche a piazza Vittorio Emanuele e dintorni, in virtù della presenza di attività commerciali molto significative e la quotidiana frequentazione di tante persone, due fattori che giustificano ampiamente un impegno in tale direzione. Il senso di esasperazione è molto forte e non vorremmo mai trovarci a dover commentare episodi ancora più gravi”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Cultura

Politica