QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 18°20° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 01 settembre 2016

Attualità venerdì 22 gennaio 2016 ore 18:00

Case mobili nei campeggi, via libera

Non ci saranno più situazioni a rischio sequestro come avvenuto anche nel recente passato venendo a mancare la necessità di permessi

PISA —

Buone notizie per i campeggi pisani. Le case mobili, roulottes, prefabbricati, realizzati in queste strutture ricettive, infatti, non avranno l’obbligo di permesso per la loro costruzione o installazione.

Questo quanto sancito dal così detto “collegato ambiente” alla legge di stabilità le cui modifiche riguardanti proprio queste strutture mobili saranno in vigore dal prossimo 2 febbraio. “La norma – spiega il direttore di Confesercenti Toscana Nord Marco Sbrana – ribadisce quel principio per il quale ci siamo sempre battuti e cioè che non può essere configurabile come intervento di “nuova costruzione” l’installazione di case mobili o di altri manufatti leggeri nell’ambito delle strutture ricettive all’aperto regolarmente operanti.

Principio che adesso finalmente è nero su bianco, ma che nella scorsa stagione aveva portato ad interpretazioni contrastanti da parte di alcune autorità fino al sequestro avvenuto in un campeggio di Viareggio delle case mobili ritenute abuso edilizio. Adesso – dice ancora Sbrana – gli imprenditori titolari di campeggi anche sul nostro litorale potranno riprendere gli investimenti senza il timore di sequestri”.

Secondo il nuovo dettato normativo, in sostanza, non si reputa necessario il permesso a costruire in caso di installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni. Questo nel caso tali manufatti siano diretti a soddisfare esigenze temporanee, siano ricompresi in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti e autorizzati sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto, paesaggistico, in conformità alle normative regionali di settore. Conclude il direttore di Confesercenti: “Grazie alla sensibilità dei senatori Cantini e Vaccari ed all’interessamento della sottosegretaria on. Velo, è stato raggiunto un risultato di rilievo per la categoria, eliminando le incertezze normative che mettevano a rischio l’installazione di case mobili all’interno di strutture ricettive all’aria aperta, anche se regolarmente autorizzate”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Sport

Attualità