QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 15 dicembre 2017

Attualità giovedì 12 ottobre 2017 ore 16:49

Chirurgia del pancreas, l'Aoup fa scuola nel mondo

Il chirurgo Luca Morelli

Lustro internazionale per l'Azienda opsedaliera dell'università di Pisa per le nuove tecniche di chirurgia pancreatica messe a punto dal prof Morelli

PISA — Si chiama mPJ (modified pancreato-jejunostomy) ed è una nuova tecnica chirurgica ricostruttiva ideata in Aoup, che promette di poter migliorare i risultati di pazienti operati al pancreas. 

Lo studio, intitolato Technical Details and Results of a Modified End-to-Side Technique of Pancreatojejunostomy: a Personal Series of 100 Patients, è stato presentato ai congressi internazionali Pancreas Club di Chicago ad aprile e all’European Pancreatic Club di Budapest a giugno scorsi e poi pubblicata, nel mese di settembre, sulla rivista ad alto impatto Journal of Gastro-Intestinal Surgery.

La pubblicazione del lavoro, sviluppato grazie alla particolare esperienza maturata in Aoup in chirurgia pancreatica dalla scuola di chirurgia generale del professor Franco Mosca, pioniere in questo settore, e da tutti i suoi allievi, conferma il ruolo di primo piano svolto dall’Aoup sia a livello nazionale sia internazionale, come riferimento per la cura delle malattie del pancreas.

"Le implicazioni non sono di poco conto - spiegano dall'Azienda ospedaliera universitaria -, considerata l’elevata complessità della chirurgia pancreatica in ambito addominale e, soprattutto, l’alto tasso di complicanze cui essa va incontro nonostante i notevoli progressi e l’evoluzione tecnologica degli ultimi anni. Il punto debole di questa chirurgia, infatti, è rappresentato tuttora dalla fase ricostruttiva (dopo l’asportazione della testa del pancreas), mentre quella demolitiva è ormai abbastanza sicura e standardizzata. In particolare, è la sutura tra il pancreas residuo e intestino tenue che può condizionare pesantemente l’esito del decorso post operatorio. Una delle complicanze più ricorrenti è infatti l’insorgenza di fistole pancreatiche che, laddove siano clinicamente rilevanti, possono portare a lunghi ricoveri, re-interventi, addirittura alla morte del paziente. Ecco perché la variante tecnica pisana, messa a punto dal professor Luca Morelli, associato di Chirurgia generale all’Università di Pisa (in servizio nella Sezione dipartimentale di Chirurgia generale diretta dal professor Giulio Di Candio, all’interno del Dipartimento di Chirurgia generale) e applicata su 100 pazienti, apre nuovi spiragli di cura. Nei casi trattati (tutte duodenocefalopancreasectomie per tumori della testa del pancreas o di aree limitrofe), infatti, è stato registrato un tasso di fistole particolarmente basso ed inferiore a tutte le casistiche pubblicate fino ad oggi in letteratura".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Lavoro

Cronaca

Politica