QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°26° 
Domani 21°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 26 agosto 2016

Attualità martedì 19 gennaio 2016 ore 08:15

Compratori americani cercano affari tra i mobili

A Pisa due giorni dedicati al mobile e al complemento d’arredo. Pesa l’incognita della riforma delle Camere di Commercio

PISA — Giorni intensi, lunedì 18 e martedì 19 gennaio, per 30 aziende toscane del settore del mobile e del complemento d’arredo, chiamate a presentare le loro produzioni di qualità a 9 tra showrooms e studi di architettura d'interni statunitensi in visita a Pisa. L’America che conta è arrivata nella città della torre per scoprire le nostre eccellenze: 4 operatori di Chicago, altri 3 provenienti da Dallas e altri due da New York e da San Francisco. L’Italia, secondo i dati dell'US Department of Commerce, è al primo posto tra i Paesi europei fornitori degli USA in questo campo e al sesto posto a livello mondiale, superata solo da paesi che esportano prodotti di fascia bassa e medio bassa. Nei primi nove mesi del 2015 la provincia di Pisa ha, infatti, esportato quasi 53 milioni di euro di mobili. Gli Stati Uniti occupano la sesta posizione tra i mercati di destinazione preceduti da Russia, Francia, Cina, Emirati Arabi Uniti e Azerbaigian.

Grazie all'attività di scouting svolta dalla Camera di Commercio di Pisa, sono undici le imprese pisane che proveranno ad agganciare la fascia alta del mercato dell’arredo a stelle e strisce presso il Marriott AC Hotel di Pisa: Green Srl. (Vicopisano); Flowerssori Srl (Pisa); Flex srl (Lavaiano); Gruppo Gimo (Perignano); Ideal Marmo di Ciurli Mario & Figli (Casciana Terme Lari); MENGOLI GIANCARLO (San Giuliano Terme); Simoncini Artigiani (Volterra); B.M.Style Group Srl (Perignano); Bizz Technology Srl (Pisa); Ciampini Gherardo Costruzioni di lavori in ferro (Peccioli); Dolfi Srl (Lari).

“La Camera di Commercio di Pisa – afferma il Presidente Valter Tamburini - continua a promuovere e supportare le iniziative che puntano a creare reali occasioni di business per le piccole e medie imprese. Siamo però preoccupati del processo di riforma in atto che, stando alle prime anticipazioni, intende trasformare le Camere di Commercio in enti meramente burocratici, destinati alla tenuta del Registro Imprese e poco altro. Saranno proprio le piccole imprese ad essere penalizzate da questa riforma: quelle che la Camera da sempre sostiene e indirizza nei progetti di internazionalizzazione, come quello del mobile di oggi. Senza il supporto economico e materiale delle Camere di Commercio, le piccole imprese non saranno in grado di sopportare i costi di avvicinamento ai mercati esteri e si troveranno a giocare un ruolo da comprimarie nel processo di internazionalizzazione del Paese.”

L'incoming, organizzato da Toscana Promozione, Unioncamere Toscana, assieme alle Camere di Commercio di Pisa e Pistoia e con il supporto del Centro Sperimentale del Mobile di Poggibonsi, continuerà il 20-21 gennaio con le visite presso le aziende secondo le richieste già indicate dagli operatori americani.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Sport