QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 12° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 20 marzo 2019

Politica lunedì 11 febbraio 2019 ore 15:34

Frasi shock su fb, annullato un evento del Comune

Si doveva tenere in occasione della Giornata del Ricordo, ma uno dei relatori è finito al centro delle polemiche per frasi scritte sui social



PISA — Stefano Doroni doveva essere uno dei relatori all'evento che si doveva tenere ieri in sala delle Baleari, promosso dall'assessore alla cultura Andrea Buscemi.

Ma le sue affermazioni su facebook non sono passate inosservate a Diritti in Comune che ha parlato di "Violenza e razzismo alla corte di Buscemi":

La Kyenge? «Una scimmia berciante».
L’Anpi? «Un bubbone», «da gettare ai cani randagi».
I rom sgomberati a Gallarate? «Purtroppo […] non spuntano oggetti atti a
fracassare i loro sudici crani e a lasciarli stesi al sole».
Chi ha accolto i migranti della Sea Watch? «Si prendano almeno la
scabbia e la attacchino a tutte le loro famiglie».

Questi sono solo alcune delle efferate frasi, incredibilmente violente e
razziste, contenute nei post e nei commenti pubblicati da un certo
Stefano Doroni sulla propria pagina Facebook. Un’istigazione all’odio e
al razzismo che dovrebbe essere censurata da qualsiasi amministratore
pubblico.

Invece Stefano Doroni, che secondo la stampa locale è un amico
dell’Assessore alla Cultura Andrea Buscemi, è stato invitato a
introdurre un evento ufficiale del Comune di Pisa, in commemorazione del
dramma delle foibe e dell'esodo degli italiani da Istria, Fiume e
Dalmazia, che si terrà domani domenica 10 febbraio alle ore 17,30 in
Palazzo Gambacorti.

Il caso Laurora non è stato un caso. Ignoranza, inaudita violenza,
becero razzismo sono la cifra di questa amministrazione. Riteniamo
inaccettabile che un simile personaggio sia chiamato a parlare in
pubblico in una manifestazione ufficiale. Questa è l’ennesima
dimostrazione che Buscemi non può ricoprire l’incarico di assessore:
chiediamo le sue immediate dimissioni."

L'evento è stato annullato con l'assessore Buscemi e il sindaco Conti che hanno preso le distanza da Doroni, il quale si è scusato parlando "Di sfogo da privato cittadino e di frasi censurabili che non devono essere accettate".

Ma questo non è bastato per evitare altre polemiche. La consigliera regionale Pd Nardini e quella comunale Picchi hanno sottolineato "L'ennesima ferita alla città", tornando a chiedere le dimissioni di Buscemi e l'unione comunale Pd, col segretario Biagio De Presbiteriis rimarca il legame tra l'assessore e lo stesso Doroni:

"Possibile che l'assessore alla cultura del Comune di Pisa, amico nonchè collega, non fosse al corrente del pensiero del professore Doroni? Insieme hanno recitato anche recentemente nell'opera Il Mercante di Venezia ed egli è comparso alla conferenza stampa di presentazione del programma dell'assessore nello scorso luglio nelle stanze di Palazzo Gambacorti.

Ancora una volta questa amministrazione si dimostra sprezzante del sistema democratico in cui dovrebbe essere incardinata. Dalle vicende personali dell'assessore Buscemi, ritenuto colpevole del reato di stalking dalla recente sentenza della Corte di Cassazione e tuttora in carica nonostante le insistenti richieste di dimissioni, all'imperdonabile comportamento tenuto dal consigliere leghista Manuel Laurora durante il minuto di silenzio per le vittime dell'olocausto fino alle esternazioni sul Mein Kampf dello stesso consigliere, questa amministrazione si conferma composta da forze politiche antidemocratiche e razziste.

Come Unione Comunale del Partito Democratico non lasceremo cadere nel vuoto questa vicenda e porteremo tramite I nostri rappresentanti l'attenzione su quanto accaduto in Parlamento, in Consiglio Regionale e in Consiglio Comunale nonchè di fronte al Ministero dell'Istruzione affinchè valuti l'idoneità del professore Doroni a svolgere il ruolo di insegnante presso un istituto di scuola superiore."



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Politica

Attualità