QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 23°25° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 23 agosto 2019

Politica giovedì 08 febbraio 2018 ore 15:18

La Leopolda deve 200mila euro al Comune

I gestori del complesso di piazza Guerrazzi non pagano l'affitto da tre anni. L'ammanco reso noto dopo un'interrogazione di "Una città in comune"



PISA — A seguito di una interrogazione presentata in consiglio comunale dalla lista di opposizione "Una città in comune", l’assessore alla cultura Andrea Ferrante ha reso noto che l’Associazione Leopolda deve ancora pagare al Comune di Pisa una cifra prossima ai 210mila euro per l’affitto degli spazi della ex stazione. Si tratterebbe di arretrati di 7.428 euro per il 2015 e dell’intera quota per gli anni 2016 e 2017, circa 100mila euro per ogni anno.

"Le difficoltà dell’Associazione coordinata da Martino Alderigi sono evidenti a tutti da anni - hanno commentato da "Una città in comune" -: nonostante il contributo erogato dal Comune sia salito dai 30.000 euro del 2013 agli 83.000 euro attuali, nonostante gli ulteriori fondi erogati dal Comune e altri enti pubblici su specifici progetti (da es. “Fior di città”, “Giovani Sì”, ecc.), nonostante la gran parte dell’attività dell’Associazione Leopolda si sia ormai ridotta alla gestione di uno spazio per grandi esposizioni mercato a pagamento (oltre il 50% delle ore della Leopolda storica risulta impiegato per iniziative commerciali), negli ultimi due anni l’associazione non riesce più a permettersi di corrispondere il canone di locazione, tanto che l’ultimo preventivo di bilancio prevede un rosso di oltre 7.000 euro senza neanche considerare il pagamento dell’affitto".

Per "Una città in comune" l'errore starebbe a monte, ovvero nel Regolamento comunale sull'affidamento degli spazi pubblici alle associazioni. "È ora di dire basta a questa gestione indecente degli spazi comunali - hanno detto in proposito -. Il Regolamento comunale per la gestione del patrimonio va modificato, al fine di praticare un abbattimento effettivo e trasparente, fino al 99 per cento del canone di locazione con criteri oggettivi e condivisi di utilità sociale. È l’ora che la Leopolda torni ad essere una casa per tutta la città".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Spettacoli