QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi -4°-2° 
Domani -7°-2° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 25 febbraio 2018

Politica mercoledì 30 dicembre 2015 ore 19:00

M5s ad anticorruzione, Filippeschi:"Vergogna"

Segnalazione all'ANAC della Procedura di Riordino delle partecipazioni societarie afferenti la gestione del servizio dei rifiuti da parte del Comune



PISA —

Il Movimento 5 Stelle ha inviato in data odierna una segnalazione all'ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione ) in merito alla operazione Geofor RetiAmbiente che si è sovrapposta con procedure d'urgenza alla trattazione del bilancio in questi giorni e che, secondo il M5s "Ha visto la violazione delle normali regole di trasparenza e di informazione al Consiglio comunale e ai cittadini."

"Il sindaco e l'Amministrazione - spiega la consigliera comunale pisana Elisabetta Zuccaro - hanno deciso di mettere in atto una forzatura senza precedenti a fronte di un parere “di massima” dei revisori dei conti che hanno lamentato la non disponibilità della documentazione necessaria per effettuare la dovuta compiuta valutazione degli effetti della liquidazione dei soci privati di Geofor Spa.

In presenza di una mozione di sfiducia nei confronti del Presidente del Consiglio e delle denunce fatte dal Collegio dei revisori dei Conti nell'audizione di mercoledì 23 dicembre 2015, sulle pressioni indebite all'espressione di parere sul bilancio, a fronte di una differenza tra la perizia precedente e quella attualmente adottata che è di oltre 5 milioni, sono saltate le garanzie del rapporto democratico tra organi e le motivazioni di urgenza della procedura, visto che il collegio ha dichiarato a verbale di aver espresso il parere nei tempi consentiti.

Il 23 dicembre 2015 è avvenuta la liquidazione dei soci privati di Geofor e il Consiglio Comunale non ha ricevuto informazioni/comunicazioni né di metodo né di merito sulle procedure di liquidazione, che ha appreso dalla stampa."

"Il 28 dicembre - continua il M5s - si è svolta l'assemblea straordinaria di RetiAmbiente per deliberare l'aumento di capitale. Nonostante sia stata eccepita da uno dei soci l'irregolarità della convocazione in quanto effettuata da amministratore unico dimissionario oltre i 6 mesi di proroga è stato deliberato l'aumento di capitale da 120.000 € a oltre 14 milioni € nel silenzio generale.

E' stata perfezionata una fase cruciale di un percorso che, nonostante i referendum del 2011, ha escluso i consigli comunali dal dibattito politico di merito dando mandato ad un organismo sovracomunale (Ato Costa) di svolgere la gara per l'individuazione del socio privato di Retiambiente. Tale soggetto industriale gestirà in regime di monopolio nei prossimi 20 anni i contratti di servizio e gli investimenti relativi alla raccolta e smaltimento dei rifiuti sul territorio dell'ATO Costa per un valore di circa 6 miliardi, coperto integralmente dai tributi locali, in assenza di rischio di impresa."

"La fretta e la forzatura delle regole dopo 4 anni di assenza del dibattito è indice di un metodo - concludono i Cinquestelle - che intende consapevolmente sottrarre al controllo pubblico le scelte politiche di interesse rilevante, creando una commistione pericolosa tra una parte politica che gestisce i percorsi e il socio privato che persegue profitti in regime di monopolio, remunerati attraverso i tributi. Tale metodo è fonte di spiazzamento per le imprese e crea ostacoli alla concorrenza a causa delle barriere all'entrata previste dalla gara, su un territorio disomogeneo che non consente di beneficiare di possibili economie di scala.

In questo quadro, assumono significato sostanziale le forme, i tempi, le procedure d'urgenza, l'istruttoria carente, l'estromissione del Consiglio comunale, il clima di pressioni indebite denunciate in sede istituzionale da parte del Collegio dei Revisori dei conti, operate dalla Prefetura su sollecitazioni presunte del Sindaco, in relazione alla contestuale procedura di approvazione del bilancio di previsione 2015. Segnaliamo tutto questo all'autorità anticorruzione nell'intento di difendere i cittadini e le istituzioni democratiche dall'arroganza di questa amministrazione."

"E' un gesto vergognoso, uno spot gratuito e totalmente infondato, che squalifica chi lo ha compiuto" - è la replica del sindaco di Pisa Marco Filippeschi -

"Offende una novantina di comuni della Toscana costiera impegnati a razionalizzare la gestione dei rifiuti urbani:a fare una sola azienda al posto di quattordici, per risparmiare risorse, alleggerire i prelievi sui cittadini e modernizzare il sistema, per renderlo ambientalmente sostenibile.

I cinque Stelle invece si dimostrano accaniti conservatori, sono dalla parte di chi ha interesse a mantenere la frammentazione.

Quando hanno un'idea, raramente, è un'idea sballata.

Quando governano, non sanno che fare e fanno disastri.

Spero che l'Autorità anticorruzione metta almeno un costo a carico di chi fa gli esposti ritenuti palesemente infondati, usati solo per fare propaganda. Questo è il nostro caso".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Cronaca

Cronaca