QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10°16° 
Domani 14°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 24 maggio 2019

Attualità sabato 28 gennaio 2017 ore 15:34

Rifiuti, non c'è rivoluzione senza collaborazione

Rifiuti abbandonati accanto ai cassonetti in piazza San Silvestro (foto di Vittoria Stacchini)

​Cassonetti interrati e porta a porta: un' ordinanza contro l'abbandono di rifiuti stabilisce le regole e le sanzioni in caso di infrazione



PISA — “La raccolta differenziata, in qualunque modo realizzata, funziona se i cittadini collaborano e si fanno parte attiva”. Questa la premessa dell’ordinanza firmata sulle regole per l’uso dei cassonetti, interrati e non, nel centro storico.

Un provvedimento reso necessario anche dagli episodi di abbandono di rifiuti che si sono verificati in concomitanza con l'entrata in funzione dei nuovi cassonetti interrati. Lasciati al di fuori dei cassonetti interrati, sull'asfalto prima occupato dai classici bidoni, oppure nei cestini per la raccolta di piccoli rifiuti. Ai cumuli di rifiuti non scampa neanche piazza San Silvestro, dove, come segnalatoci e fotografato da una nostra lettrice, numerosi sacchetti di spazzatura di ogni genere sono stati abbandonati accanto ai cassonetti.

Nel centro storico di Pisa funziona un sistema misto: per le famiglie i cassonetti anche per la carta (e dal 30 gennaio non più il porta a porta). Per gli esercizi commerciali (bar, ristoranti, negozi): “porta a porta” obbligatorio per carta e cartone; multimateriale e indifferenziata nei cassonetti. Vetro e organico per bar e ristoranti: porta a porta o cassonetti secondo gli accordi presi con Geoforin base alle esigenze.

Dopo alcuni punti sul rispetto delle varie tipologie di conferimento nei cassonetti, l’ordinanza rende espliciti i divieti: è vietato introdurre nei cassonetti materiale non conforme; è vietato abbandonare i rifiuti vicino ai cassonetti; è vietato al cittadino servito dal “porta a porta” l’utilizzo dei cassonetti che sono nel centro storico; si fa divieto agli esercizi commerciali di portare carta e cartoni nei cassonetti; vietato conferire ceramica e cristallo nei contenitori per il vetro; si impone agli esercizi di conferire i rifiuti nei giorni giusti e di collocarli a distanza non superiore a tre metri

E’ fatto obbligo alle utenze non domestiche che svolgono attività di somministrazione di alimenti e bevande (bar, pub, ristoranti…) che aderiscono al porta a porta di avere su suolo pubblico bidoni carrellati per il vetro e l’umido (organico).

E, sempre con l’ordinanza, si avvertono gli utenti che le tessere personali per l’utilizzo dei cassonetti saranno consegnate a domicilio nelle prossime settimane. E a quel momento sarà proibito a chi non è iscritto alla tassa sui rifiuti conferire nei cassonetti.

L’Ordinanza si incarica anche delle sanzioni per chi infrange le regole. Si va da un minimo di 25 euro a un massimo di 500

Nella delibera sono riportate le disposizioni tecniche sulle modalità di conferimento, i calendari e l’elenco delle strade servite dai cassonetti e di quelle con il “porta a porta”.

Istruzioni per l’uso – Per aprirli basta premere il pulsante, aspettare qualche secondo, spingere il pedale e buttare il rifiuto. Come mostrato dagli adesivi esplicativi apposti sugli stessi cassonetti. La tessera diventerà necessaria solo quando la distribuzione agli abitanti del centro storico (bisogna essere intestatari della Tari) sarà terminata, si parla di 12mila utenze di cui 9mila domestiche e 3mila non domestiche. Umido è organico, secco residuo è indifferenziato, multimateriale è senza vetro.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Attualità

Elezioni