comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:16 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 02 dicembre 2020
corriere tv
Cacciari scherza su cosa farà a Natale ed esagera un po'

Cronaca venerdì 27 giugno 2014 ore 12:25

Pisa ringrazia due studentesse iraniane

Avevano soccorso un'anziana signora dopo una rapina e aiutato a prendere uno dei responsabili. La città le ha premiate con un attestato



PISA — Le sorelle Maryam e Fatemeh Gholipour, le due studentesse iraniane che hanno soccorso un’anziana signora dopo che tre uomini l’avevano rapinata, sono state ricevute in rettorato dal rettore Massimo Augello, dal colonnello Andrea Brancadoro e dal comandante della compagnia dei carabinieri di Pisa Stefano Bove, per ricevere un attestato simbolico di ringraziamento per l’atto compiuto.

La rapina è avvenuta lo scorso 19 giugno a Cisanello, alla fermata dell’autobus situata nei pressi dell’ospedale. Oltre ad aver soccorso la donna di 87 anni, le due ragazze hanno aiutato i carabinieri a rintracciare uno dei suoi rapinatori, fornendo inoltre una dettagliata descrizione dei due complici riusciti a fuggire.

All’incontro erano presenti anche il prorettore vicario Nicoletta De Francesco e il prorettore per gli studenti Rosalba Tognetti.

“Senza parlare di gesto eroico – ha sottolineato il rettore - il vostro intervento è un esempio di grande senso civico che tutti noi dovremmo aver presente nel nostro comportamento quotidiano”.

Maryam, 32 anni, è in Italia da tre e frequenta il terzo anno del corso di laurea in Fisioterapia. Fatemeh ha invece 20 anni ed è arrivata a Pisa due anni fa per frequentare Scienze motorie, ma il suo sogno è studiare Medicina: “Ho già provato una volta il concorso d’ammissione, ma non ce l’ho fatta – ha detto Fatemeh –. Riproverò il prossimo anno, perché sono determinata a diventare un medico”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Imprese & Professioni

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS