QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 14°17° 
Domani 14°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 22 aprile 2019

Politica sabato 08 dicembre 2018 ore 15:03

Sabato sera, scatta una nuova sfida all'ordinanza

Dario Danti con maschera e boccaglio

Il prof Dario Danti - e non solo - ha dato appuntamento alle 22 sotto il Comune per violare, ancora, l'ordinanza antidegrado voluta dal sindaco



PISA — La sfida aperta contro l'ordinanza antidegrado varata dall'amministrazione leghista vivrà, questo sabato sera dell'Immacolata, un nuovo capitolo. Il professor Dario Danti, ex assessore alla cultura e primo contestatore fra i contestatori, ha dato appuntamento alle 22 in piazza XX Settembre, di fronte al Comune, per una nuovo tentativo di forzare e violare l'ordinanza sindacale che vieta di sedersi per terra e sui gradini. 

Già annunciati gruppi musicali, studenti universitari - tra i promotori l'Unione degli universitari Das Pisa - e una coriegrafia colorata con tanto di maschere e boccaglio, per rispondere ironicamente alla contromisura del Comune, di bagnare gli scalini di piazza dei Cavalieri con le idropulitrici così da rendere sconvenienti le sedute.

Per i promotori dell'ordinanza, su tutti il deputato leghista Edoardo Ziello, quella di Danti è generalmente considerata una stupida provocazione, che distoglierebbe gli agenti della polizia municipale da impegni più seri. Inoltre per Ziello l'ex assessore, violando l'ordinanza, andrebbe contro il suo ruolo di docente.

Di tutt'altro avviso Danti il quale, dopo essersi fatto multare dalla municipale, fa della sua provocazione una questione assai seria: già ha raccolto i soldi per interpellare il Presidente della Repubblica e stasera, chiamando a raccolta studenti e cittadini, prova ad alzare ulteriormente l'asticella dello scontro.

Il programma di stasera - municipale permettendo - prevede, dopo il ritrovo in piazza XX Settembre, concerti in varie piazza della città, fino ad arrivare in piazza Cavalieri

"Violando tutti insieme le ordinanze del sindaco - scrive Danti - dimostreremo che sedersi per terra o su un gradino, e più in generale vivere la propria città non è simbolo di degrado, ma che può essere un'occasione di confronto e di costruzione di cultura".

Nei prossimi, inoltre, Danti darà il via al suo progetto di tenere delle lezioni in piazza: "dimostrando - ha spiegato in proposito - che la soluzione al degrado non passi per il divieto incondizionato a tutto ma dalla cultura: tante saranno quindi le occasioni in cui dibattere di arte, di politica, di temi di attualità come il decreto sicurezza".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità