QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11°22° 
Domani 10°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 23 maggio 2019

Cronaca mercoledì 06 luglio 2016 ore 18:56

Sequestrati duecento chili di telline

Operazione della guardia costiera di Livorno a ridosso del parco di San Rossore. Le telline erano destinate al mercato locale



PISA — Oltre 200 kg di “telline” sono state poste sotto sequestro dalla Guardia costiera di Livorno nelle acque davanti il Parco di San Rossore. 

Quattro i rastrelli sequestrati per la pesca illegale delle cosiddette “zighe” ad un pescatore sportivo a bordo del proprio natante da diporto. 

Le finalità erano però tutt’altro che ricreative o sportive, avendo l’uomo, un pisano di 76 anni, un canale commerciale per collocare il prodotto. Infatti, proprio dalla filiera commerciale è scattato il controllo della Guardia costiera che giorni prima aveva scoperto a Marina di Pisa, presso un rivenditore locale, 7 kg di telline prive di documenti di tracciabilità. 

Dopo avergli inflitto una sanzione di 1.500 euro, le indagini dei militari, non soddisfatti delle risposte ottenute sulla provenienza del prodotto, tese chiaramente a nascondere altre attività illecite, non si sono fermate. Gli accertamenti nei giorni successivi e l’analisi di alcuni esposti pervenuti alla Guardia costiera hanno aiutato gli ispettori ad individuare il fornitore, circoscrivendone la possibile attività nelle acque del litorale nord del compartimento marittimo di Livorno, tra Marina di Vecchiano e Marina di Pisa

È così scattato il blitz, alle 6 del mattino, quando una motovedetta veloce è partita da Livorno diretta in quella zona. Il settantaseienne pescatore abusivo, vistosi senza scampo, ha sganciato gli attrezzi in mare tentando di disfarsene per sfuggire alla sanzione. Ma due dei militari d’equipaggio, già preparati a tale reazione, si sono immediatamente immersi con maschera e pinne, individuando i rastrelli sul fondo e recuperandoli. Per il pescatore, un verbale da 1.000 euro e 200 kg di prodotto sequestrato, rinvenuto a bordo dalla Guardia costiera in secchi di plastica e destinato probabilmente a più operatori della zona, compresi ristoranti. Le telline, dopo le operazioni di pesatura, sono state tutte rigettate in mare essendo state trovate nei recipienti ancora allo stato vivo e vitale, mentre per i rastrelli, palesemente illegali, saranno avviate dalla Capitaneria di Livorno le procedure per la confisca e la definitiva distruzione.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Spettacoli

Sport

Attualità