QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 12°20° 
Domani 13°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 17 ottobre 2019

Attualità martedì 16 agosto 2016 ore 16:05

Solo 28 vie intitolate a donne

Simonetta Ghezzani

Ghezzani (Sel) denuncia un "evidente sessismo" e fa appello all'amministrazione: “Le scelte del Comune devono superare questa discriminazione”



PISA — Su 1148 strade presenti a Pisa solo 28 sono intitolate a una donna. E' quanto emerge dal sito Toponomasticafemminile.com dal quale emerge che meno del 5 per cento delle strade delle città italiane è dedicato a figure femminili e neanche Pisa sfugge alla media nazionale.

Il fatto è denunciato dalla capogruppo di Sel in Consiglio comunale Simonetta Ghezzani, che fa appello al Comune: "Sarebbe opportuno che le scelte dell'amministrazione nell'intitolare vie, strade, piazze e giardini avvenisse anche tenendo conto della necessità di superare questa evidente discriminazione. Certo che la negazione dei diritti sociali per le donne è uno dei problemi più grandi. La disoccupazione, lo sfruttamento, la discriminazione nei luoghi di lavoro, le paghe diverse per la stessa mansione. Ma è anche un problema la violenza contro le donne – conclude la Ghezzani - e la mancanza di una cultura che vada nel senso di sostenere e promuovere liberazione e autonomia. In questo contesto sta anche il lavoro sulla toponomastica, come pezzetto per la definizione di un mondo simbolico diverso da quello presente.”

Se si escludono le figure religiose la percentuale si abbassa ulteriormente: delle 28 vie intitolate a figure femminili, 4 sono intitolate alla Madonna, 12 a Sante, Beate e Martiri. Anche Via Gentileschi non è intitolata ad Artemisia, ma al padre Orazio. Il quadro offerto deve con tutta probabilità essere aggiornato, anche se non viene mutato il rapporto di fondo (su una settantina negli ultimi anni di nuove intitolazioni alle donne ne toccano 5). Occorre tuttavia ricordare che è stata intitolate una strada a Teresa Mattei, partigiana e madre costituente che corregge ma solo in parte la scelta di dedicare una via ai Padri della Costituzione in ricordo del lavoro "delle donne e degli uomini componenti l’Assemblea Costituente (25 giugno 1946 - 31 gennaio 1948)".

C'è poi la rotatoria intitolata a Maria di Vestea Fischmann , su proposta della Casa della Donna, come prima donna laureata a Pisa della facoltà di Medicina nel 1893; una piazza dedicata a Gemma Luziani, pianista pisana nata a fine ottocento, una via a Maria Selvaggia Borghini ,donna coltissima e poetessa pisana della seconda metà del '600.




Tag

Migranti, naufragio a Lampedusa: i corpi ritrovati tra robot e lacrime

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Politica