QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17°17° 
Domani 16°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 30 settembre 2016

Attualità giovedì 11 febbraio 2016 ore 16:42

Una nuova pagina della fisica

foto Esa

Confermata l'esistenza delle onde gravitazionali teorizzate da Einstein. Il loro segnale è stato intercettato in Europa dall'italiano Marco Drago

PISA — Le ha rilevate lo strumento Ligo, negli stati Uniti, il 14 settembre 2015 alle 10, 50 minuti 45 secondi (ora italiana), all'interno di una finestra di appena 10 millisecondi.

"Abbiamo osservato il primo evento in assoluto nel quale una collisione non produce dati osservabili, se non attraverso le onde gravitazionali- ha detto all'Ansa il coordinatore della collaborazione Virgo, Fulvio Ricci- Tutto è durato una frazione di secondo, ma l'energia emessa è stata enorme, pari a 3 masse solari".

"Avevamo in mano l'indicazione di aver registrato qualcosa di molto significativo" ha poi aggiunto Fulvio Ricci. Il segnale rilevato da Ligo è stato intercettato in Europa, dall'italiano Marco Drago, mentre era in Germania, ad Hannover, di turno nel centro di calcolo nel quale arrivano i dati delle due collaborazioni. Ha immediatamente mandato una mail dicendo: "C'è grosso evento, per caso è successo qualcosa di strano nell'interferometro?" E' stato subito chiaro che si trattava di qualcosa di nuovo.

I due buchi neri formavano una 'coppia', ossia un sistema binario nel quale l'uno ruotava intorno all'altro. "Avevano una massa rispettivamente di 36 e 29 volte superiore a quella del Sole. Si sono avvicinati ad una velocità impressionante, vicina a quella della luce. Più si avvicinavano, più il segnale diventava ampio e frequente, come un sibilo acuto; quindi è avvenuta la collisione, un gigantesco scontro dal quale si è formato un unico buco nero. La sua massa è la somma di quelle dei due buchi neri, ad eccezione della quantità liberata sotto forma di onde gravitazionali"

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità