QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11°11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 21 novembre 2019

Attualità domenica 07 dicembre 2014 ore 14:29

Pulizia dei canali, novità dallo Sblocca Italia

I sedimenti non sono più considerati rifiuti pericolosi e potranno essere sistemati lungo ciascuna sponda dei corsi d’acqua e dei canali di bonifica



PISA — I sedimenti derivanti dalla pulizia di canali e fossi ai fini della prevenzione di inondazioni, o della riduzione degli effetti di inondazioni o siccità, o ripristino dei suoli non saranno più considerati rifiuti pericolosi e potranno essere sistemati lungo ciascuna sponda dei corsi d’acqua e dei canali di bonifica. Si tratta di una semplificazione enorme rispetto al passato, oltre che una riduzione di costi, per lo smaltimento che spesso costituiva un impedimento ed una limitazione per le aziende agricole che dovevano sostenere le spese per la rimozione. La novità vale sia per le imprese agricole, che soprattutto per i consorzi di bonifica tra i cui compiti c’è appunto quello della pulizia dei fossi e dei canali. A comunicarlo è Coldiretti Pisa, che con soddisfazione recepisce quanto previsto dalla legge di conversione del decreto legge Sblocca Italia.

Da tempo la Coldiretti pisana aveva denunciato l'impedimento, che di fatto condannava molte imprese a subire ripetutamente l’allagamento dei propri terreni e la perdita delle produzioni, senza poter altrimenti intervenire pena vedersi comminata una denuncia di carattere penale. 

“Si tratta – spiega Coldiretti – di un importantissima disposizione che costituisce una notevole semplificazione per lo svolgimento delle attività e degli interventi di manutenzione e pulitura delle sponde e degli argini, necessari al fine di assicurare la tutela del territorio da fenomeni di instabilità che risultano aggravati, spesso, proprio da accumuli di materiale non opportunamente rimosso”. Fino ad oggi pulire un alveo e liberarlo dall’accumulo di sedimenti che ne avevano alzato il livello era una procedura complicata ed economicamente pesante in particolare per le piccole imprese che volevano pulire il proprio corso d’acqua".

L’azienda, così come i consorzi di bonifica dovevano, una volta prelevati i sedimenti, trasportarli dalla zona di rimozione fino al luogo dello smaltimento: “Una sequenza di azioni complicate e costose che costituivano – spiega Coldiretti – una forte limitazione ad una più frequente e tempestiva manutenzione dei corsi d’acqua. Con questa importante modifica gli interventi saranno più veloci e frequenti”.



Tag

Ex Ilva, Conte: «All'incontro con il signor Mittal porterò la determinazione di un paese del G7»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica