QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 24°27° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 23 agosto 2019

Attualità venerdì 08 dicembre 2017 ore 12:00

Ryanair resta a Pisa per altri cinque anni

L'ha confermato il vicepresidente di Toscana Aeroporti Naldi, in occasione del premio dato al passeggero cinque milionesimo, una donna di Pietrasanta



PISA — Roberto Naldi, in occasione della premiazione del passeggero pisano cinque milionesimo ha risposto a diverse domande dei giornalisti e ha parlato degli investimenti al Galilei, del rinnovo contrattuale con Ryanair per Pisa, di Peretola e della vertenza per le esternalizzazioni.

Riguardo alla nuova pista di Peretola Naldi ha spiegato che non è "un'infrastruttura contro Pisa, ma un'occasione per riportare a Firenze quei passeggeri che hanno deciso di lasciare la Toscana per volare da Bologna". 

Naldi ha tranquillizzato anche riguardo la situazione dell'aeroporto Galilei: "Il nostro piano di investimenti - ha spiegato - resta inalterato. Finalmente con la definitiva approvazione, avvenuta il 24 ottobre scorso, del masterplan possiamo attuarlo per raggiungere la soglia prefissata dei 7 milioni di passeggeri annui. Complessivamente investiremo 37 milioni di euro. Stiamo per chiudere un accordo con l'aeronautica militare (8 milioni di spesa) per guadagnare nuovi spazi da adeguare aree di sosta aggiuntive per grandi aeromobili ed effettuare la manutenzione di vecchi piazzali e della pistasecondaria".

Riguardo a Ryanair Naldi ha sottolineato che "stiamo già lavorando, con un anno di anticipo, al rinnovo contrattuale. Ryanair non si muove da Pisa".

"Resterà qui per altri cinque anni - ha chiarito - tanto quanto sarà la durata del nuovo contratto". 

Per Naldi Ryanair "non ha alcun interesse di spostarsi a Firenze. Ciò dovrebbe bastare a chiudere una volta per tutte lo sterile dibattito che va avanti da anni sul fatto che si vorrebbe avvantaggiare Firenze a discapito di Pisa. Da quando ci siamo noi, i due scali sono cresciuti di circa un milione di passeggeri complessivamente senza che Firenze cannibalizzasse anche un solo passeggero a Pisa e viceversa". 

Naldi ha anche rimarcato il carattere dei due scali aeroportuali: "A Pisa volano i low cost e i voli intercontinentali, a Firenze ci sono i collegamenti con i maggiori hub internazionali". 

Naldi ha parlato anche delle esternalizzazioni e della vertenza sindacale in atto: "Quelle dette finora dai sindacati - ha detto - sono bugie".

"Il rifiuto del sindacato di confrontarsi - ha spiegato - o meglio a non volerlo fare prima della prossima tornata elettorale è una mossa politica che non condividiamo, né ci interessa. Il diritto di sciopero è sacrosanto, ma quelle dette sulle esternalizzazioni dei servizi di handling e security sono bugie e sono inaccettabili. Siamo pronti al confronto sindacale, ma in attesa che i sindacati siano disposti a farlo provvederemo a informare con una lettera dettagliata e direttamente tutti i nostri lavoratori, rassicurandoli che non c'è alcun rischio di perdere posti di lavoro né di decurtazione del salario".

Intanto il premio per il cinque milionesimo passeggero è andato a un'insegnante di yoga di Marina di Pietrasanta, Serena Ninci di 39 anni. Per lei un voucher da 800 euro per un nuovo viaggio. La donna stava partendo col fidanzato per Londra.

"I 5 milioni di passeggeri - ha sottolineato Gina Giani, ad di Toscana Aeroporti - sono un grande traguardo, raggiunto grazie alla politica di investimenti che stiamo perseguendo".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Politica

Attualità