QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 23° 
Domani 20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 marzo 2019

Cronaca lunedì 23 giugno 2014 ore 12:54

Droga, oltre mille dosi al giorno nel maxi giro

Oltre 200 chili di sostanza immessa nel mercato in un anno. Scattate 26 ordinanze di custodia cautelare. Ecco come le bande si spartiscono Pisa



PISA — Sono 43 le persone indagate, molte delle quali senza fissa dimora. L'ordinanza di custodia cautelare, ben 26 di loro, li ha raggiunti in carcere. Ogni giorno, tra la stazione ferroviaria, piazza delle Vettovaglie e piazza dei Cavalieri, vendevano cocaina, eroina e hashish per un giro d’affari quotidiano di decine di migliaia di euro. 

Tra gli arrestati anche una banda di quattro persone dedite al traffico di stupefacenti e rapine a mano armata contro attività commerciali.

Le indagini, iniziate nel 2013, hanno portato nei giorni scorsi a 26 ordinanze di custodia cautelare in carcere per i soggetti della rete di spaccio con i capi d’imputazione più pesanti.

Dalle indagini è emersa una vera e propria suddivisione territoriale: intercettazioni e pedinamenti hanno permesso di documentare come anche nella città di Pisa,
i vari gruppi criminali di origine nordafricana e dell’Est Europa, legati al loro interno
prevalentemente da vincoli familiari, si suddividono le aree di competenza per esercitare i loro affari illeciti.

In una suddivisione del territorio tanto rigida, che la violazione poteva portare anche a regolamenti di conti tra le bande. Gli spacciatori potevano contare su ottimi guadagni forniti dallo smercio al dettaglio: ognuno dei componenti del gruppo riusciva a spacciare anche fino a 30 dosi al giorno per un giro d’affari complessivo che poteva aggirarsi a volte anche fino a 30mila euro. In totale si è stimato che nel giro di un anno l’organizzazione è riuscita a immettere sul mercato circa 200 chili di droga.

Nel corso delle indagini è emerso che quattro delle persone coinvolte nel giro, nel giugno dello scorso anno, erano state sorprese dai Carabinieri del nucleo operativo nel tentativo di portare a termine una rapina a mano armata in un bar di Cascina. Nella circostanza, l’autovettura con a bordo i quattro albanesi, da tempo monitorata, è stata bloccata non appena i militari, nel frattempo dislocati nelle vicinanze del bar, hanno sentito dalle intercettazioni ambientali che uno dei soggetti aveva impugnato una pistola e inserito il colpo in canna: i quattro avevano due pistole, una giocattolo e una vera calibro 7,65 con il colpo in canna inserito, due passamontagna, un coltello e una mazza da baseball.

“Molte di queste ordinanze sono già state eseguite e altre – spiega il sostituto procuratore Antonio Giaconi - sono in corso d’esecuzione per quei soggetti che non risiedono più nel territorio del comune e che, con qualche probabilità, sono riusciti a tornare nel loro Paese d’origine”.

Per 14 degli indagati è scattato il divieto di dimora nel comune di Pisa, 8 invece gli obblighi di presentazione davanti alla polizia giudiziaria.

“A Pisa – commenta Giaconi - le attività legate al traffico di stupefacenti sono piuttosto numerose e impongono un intervento capillare per la protezione della sicurezza e dell’ordine pubblico”.

A questo scopo, spiega il comandante provinciale dei carabinieri Andrea Brancadoro: “Stiamo rafforzando la vigilanza e prendendo iniziative per prevenire e governare i fenomeni di spaccio”.

operazione antidroga carabinieri Pisa


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca