QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 22°25° 
Domani 22°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 17 giugno 2019

Cronaca mercoledì 21 maggio 2014 ore 17:04

Siete liberi per cena? Raccolta fondi per il Don Bosco

Dieci detenuti saranno in cucina e serviranno ai tavoli, coordinati dallo chef Griffa



PISA — Dieci detenuti serviranno a tavola e staranno in cucina, guidati dallo chef Marco Griffa. L'evento è organizzato dalla Società della Salute della zona di Pisa nell’ambito del progetto Oltre il muro, in collaborazione con la direzione della Casa Circondariale Don Bosco e l'Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Pisa.
La cena è una raccolta fondi per costituire un fondo a favore delle persone detenute in condizione di disagio come sostegno alle piccole spese, ai contatti e alla corrispondenza con la famiglia e al ricongiungimento a fine pena.
Il fondo sarà gestito in collaborazione con la direzione della Don Bosco di Pisa che utilizzerà una parte delle risorse per acquisto di materiali necessari ai detenuti per le attività di socializzazione. 

La cena si terrà il 23 maggio alle 20 al circolo Arci Pisanova in via Frascani. Per prenotazioni: 050 959546, 3400577997.

Il progetto Oltre il muro è uno sportello d’ascolto interno ed esterno al carcere e casa di accoglienza per detenuti ed ex detenuti con 8 posti letto. L’obiettivo è quello di offrire una prima risposta ai bisogni della popolazione detenuta ed ex-detenuta favorendo la promozione del loro diritto di cittadinanza e facilitando il reinserimento nel tessuto sociale. È gestito dalla Cooperativa Sociale Arnera. Il centro è stato recentemente ristrutturato grazie ai finanziamenti Piuss: al primo piano, accessibile ai disabili, si trova un appartamento completamente rinnovato e composto da una cucina, un salotto, due terrazze, due bagni, cinque camere e otto letti; al piano terra gli sportelli con un ampio ufficio e di una stanza d’ascolto, oltre ad un bagno sempre accessibile ai disabili.

Dal 1998 ad oggi in queste stanze hanno alloggiato 499 persone e qui si sono rivolti 181 (totale interventi) detenuti ed ex. Tra i servizi ci sono: l’accoglienza alle detenute e ai detenuti in permesso premio (49 persone per un totale di 671 notti di accoglienza nel 2013); l’accompagnamento in permesso premio (47 accompagnamenti per 23 persone nel 2013); 6 detenuti in esecuzione penale esterna che frequentano il centro e vi fanno volontariato; accoglienza ai detenuti che anche se hanno la detenzione domiciliare non hanno un posto dove andare (3 persone nel 2013); accoglienza dei detenuti a fine pena (10 persone nel 2013); affidamenti come misure alternative alla carcerazione (3 persone nel 2013). E poi 770 colloqui in piazza Toniolo e 218 presso lo sportello del carcere).

Il Don Bosco ospita attualmente circa 300 detenuti di cui 31 donne.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca