QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 15°15° 
Domani 16°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 26 maggio 2019

Cultura mercoledì 19 novembre 2014 ore 12:00

"Sul vulcano", stasera al cineclub Arsenale

Foto tratta da Nuovo Cinema Palazzo

In sala anche il regista Gianfranco Pannone, che accompagnerà la proiezione del suo ultimo documentario, presentato al Festival di Locarno



PISA — Oggi alle 20.30 al Cineclub Arsenale, il regista Gianfranco Pannone accompagnerà la proiezione del suo ultimo documentario “Sul vulcano”.

Gianfranco Pannone è uno dei più apprezzati autori italiani di cinema del reale e ha realizzato documentari dal notevole riscontro in festival internazionali come Il sol dell’avvenire (2008), ma che Storia…(2010) e Ebrei a Roma (2012).

“Sul vulcano”, presentato all'ultimo Festival di Locarno, prende le mosse dai racconti di Maria, Matteo e Yole: tre vite ai piedi del Vesuvio. Un luogo unico al mondo, ricco di miti, storia ed evocazioni letterarie. E prende le mosse da una domanda: in questo luogo di sospesa bellezza, chi è oggi il più pericoloso? Il Vesuvio, che potrebbe risvegliarsi da un momento all’altro e minare le esistenze di chi vive nelle sue vicinanze? O l’uomo, che in meno di cent’anni ha prodotto danni di ogni genere? Un tema di estrema attualità e importanza.

“Col Vesuvio l’uomo i conti ce li ha fatti, ma li ha fatti male - afferma il regista -. Se costruisci case lungo le strisce laviche tradisci anche il rispetto che i contadini avevano verso il vulcano. Se dovesse accadere una tragedia, e prima o poi accadrà, sarà a causa dell’uomo che ha fatto più danni della natura costruendo in posti sbagliati e affollando quella terra”.

Tra storie di vite vissute, preziosi materiali dell’Archivio cinematografico Luce, e testimonianze letterarie che vanno da Giordano Bruno al Marchese De Sade, da Giacomo Leopardi a Curzio Malaparte, “Sul vulcano” prova a dare un senso a una terra pazza che infine rappresenta tutti noi. Un viaggio visivo, antropologico, politico, che ha per compagne le musiche di un autore come Daniele Sepe, e le voci date ai testi letterari da un cast d’eccezione: Toni Servillo, Donatella Finocchiaro, Fabrizio Gifuni, Leo Gullotta, Iaia Forte, Enzo Moscato, Renato Carpentieri, Aniello Arena.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cultura