QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 9° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 15 novembre 2019

Cronaca lunedì 14 luglio 2014 ore 19:24

Supermercato della droga tra alberi e rovi

Il giro riforniva anche la provincia di Pisa. In manette sono finite otto persone, compresi due minorenni. Quindici segnalati come assuntori



PISA — Secondo gli investigatori, spacciavano a ragazzini e a professionisti di ogni età nei territori di Pisa, Lucca e Pistoia.

Il supermercato della droga era nel bosco, nascosto fra gli alberi e i rovi, dietro al cimitero di Castiglioncello di Nozzano. L'organizzazione era rigida, secondo gli inquirenti: i minorenni (due sono finiti in manette) si occupavano dello spaccio al dettaglio - soprattutto di eroina -, ma erano anche coloro che fornivano, in caso di arresto, l'alibi agli spacciatori maggiorenni, prendendosi ogni responsabilità di fronte al giudice, potendo usufruire comunque dei benefici di legge previsti per i minorenni. 

Gli altri invece si occupavano del traffico, anche all'ingrosso, degli stupefacenti, facendo attenzione a cambiare spesso il nascondiglio per la droga, sempre conservando i luoghi selezionati e prescelti. Tutti sulle colline dell'Oltreserchio, tra Nozzano e Castiglioncello. Luoghi impervi, ma da cui si controllavano tutte le vie di accesso e che soprattutto consentivano una facile via di fuga e veloci collegamenti o spostamenti fra Lucca, Pisa e la Versilia.

Otto, alla fine, le persone che sono finite in manette, una delle quali colpita da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. 

I militari hanno sequestrato complessivamente circa 220 grammi di eroina e segnalato alla prefettura una quindicina di assuntori. Ma il giro, secondo l'accusa, era molto più vasto: l'ipotesi, infatti, è che il supermercato della droga nascosto nel bosco servisse al giorno fino a 30 clienti, che diventavano molti di più nel fine settimana.
Grazie ad una ventina di telecamere piazzate nel bosco, i carabinieri sono riusciti ad osservare i pusher in azione, ricostruendo le loro abitudini e i loro spostamenti. Ma soprattutto accertando gli orari per lo spaccio, dall'una del pomeriggio fino alle 19 di sera.

Lo spaccio al dettaglio, invece, veniva affidato ai minorenni. Gli adulti si occupavano della logistica, secondo l'accusa: i contatti con i fornitori, l'acquisto delle partite di droga, la scelta dell'appuntamento e la gestione del denaro ricavato. Ma agivano sempre in coppia con il minorenne, in modo che, in caso di arresto e poi di processo, potessero salvarsi dalla condanna.



Tag

Sentenza Cucchi, Di Maio: «Salvini dovrebbe scusarsi con la famiglia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità