QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 28°30° 
Domani 24°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 24 luglio 2019

Politica mercoledì 21 maggio 2014 ore 16:28

"Tiriamo fuori la Ferrari dal pollaio" e ripuliamo Pisa

Secondo Nerini già il taglio dell'erba renderebbe più fruibili i monumenti. E torna sul protocollo che affidava la manutenzione ai volontari



PISA — "Con tutti i beni che abbiamo è come esser proprietari di una Ferrari e tenerla parcheggiata in un pollaio lercio". 
I beni sono quelli della città di Pisa e il commento sulla tutela e salvaguardia dei monumenti è del consigliere comunale di Noi adesso Pisa Maurizio Nerini. 

"Parlando in III commissione - spiega - con gli assessori Serfogli e Danti del Protocollo di intesa sulla salvaguardia dei monumenti cittadini firmata (non senza polemiche, ndr) il 3 febbraio dal Comune di Pisa e da tanti altri soggetti, è venuto fuori che non si tratta di un protocollo bensì di un verbale di riunione, al quale non seguirà un vero protocollo perché la Sovrintendenza, ente preposto proprio per la salvaguardia dei monumenti, non ne vuol sapere pur avendo firmato il verbale stesso".

Secondo Nerini, sarebbe già "singolare che il Prefetto si sia sentito in dovere di occuparsi legittimamente della cosa" ma lo è di più il fatto che "il fallimento delle istituzioni sulla materia è palese", suggerendo che molti monumenti sarebbero già più fruibili tagliando l'erba. 

"La politica deve muoversi e Noi Adesso Pisa ha presentato nel dicembre 2013 durante la discussione sul Bilancio del Comune un Atto di Indirizzo che nel capitolo legato al lavoro impegnava sindaco e giunta a programmare e promuovere, tramite il bando pubblico, l’affidamento della gestione di monumenti, palazzi, chiese e altri beni di proprietà pubblica ad associazioni, cooperative, imprese, privilegiando quei progetti che prevedano la creazione di posti di lavoro, a tal fine coinvolgendo anche le altre istituzioni ed enti pubblici competenti.

Questo lungimirante atto è stato però bocciato dalla maggioranza.

Ho invitato gli assessori a prendere celermente iniziative del genere: oggi è giunto il momento di darsi una svegliata, di mettere in atto idee buone senza andare a vedere chi le presenta. È giunta l’ora di mettere in moto il motore di questa nostra Ferrari, uscire dal pollaio e rombare sotto la Torre come sui Lungarni".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità