QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 9° 
Domani 6° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 13 dicembre 2018

Attualità sabato 16 giugno 2018 ore 10:30

​Nuove minacce di morte alla sindaca

Susanna Ceccardi

Una nuova lettera minatoria è stata recapitata alla prima cittadina Susanna Ceccardi. A novembre 2017 un'altra missiva con un proiettile



CASCINA — Una nuova lettera contente minacce di morte è stata recapitata alla sindaca leghista di Cascina Susanna Ceccardi. Lo riportano stamattina i quotidiani locali. Nella missiva, recapitata per posta ordinaria, sarebbe riportata questa frase: "Farai la fine della Petacci". A firmare è un un sedicente ''Gruppo armato antifascista''.

La lettera è stata spedita a Firenze e prima di essere aperta è stata protocollata con il resto della posta in arrivo al Comune. 

Della nuova lettera minatoria la sindaca ha informato la polizia e i carabinieri a cui presenterà denuncia. Non si tratta del primo episodio. Lo scorso novembre alla sindaca Ceccardi era stata inviata un'altra lettera contenente anche un proiettile mentre a maggio era stato minacciato anche Edoardo Ziello, parlamentare pisano della Lega.

"Non volevo dare pubblicità all'idiota che ieri ha mandato l'ennesima lettera anonima di minacce a sfondo sessuale in comune - ha successivamente commentato Ceccardi -, ma visto che è già uscita sul giornale e mi sta arrivando un sacco di solidarietà, voglio tranquillizzarvi: non sono spaventata. Lui è un cretino che si firma gruppo armato antifascista e mi dice che farò la fine di Claretta Petacci rimanendo anonimo. Io invece sono una ragazza che continua a fare politica mettendoci la faccia, senza mai abbassare la testa".

"A fronte di un idiota - ha aggiunto la prima cittadina -, mi arrivano centinaia di messaggi di solidarietà e apprezzamenti, quindi continuo a non capire che utilità abbiano questi messaggi minatori per chi li manda. Trovate divertimenti più interessanti e costruttivi".

Tra i primi attestati di solidarietà quello del governatore della Toscana, Enrico Rossi.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Lavoro

Politica