QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 26 marzo 2019

Cronaca sabato 08 febbraio 2014 ore 09:10

Ospedale, tutti gli accertamenti in un giorno

Il Day Service dell'Asl di Pisa vuole rispondere in tempi rapidi e in modo appropriato anche a diagnosi complesse



PONTEDERA — Una nuova organizzazione per dare appropriata e rapida risposta a quesiti diagnostici complessi. Ecco la finalità del Day Service con il quale sono stati elaborati i Percorsi Ambulatoriali Complessi e Coordinati, che permettono di eseguire rapidamente tutte le prestazioni diagnostiche di cui un utente ha bisogno. Una nuova modalità di risposta sanitaria ideata dall’Asl di Pisa per patologie croniche o per situazioni cliniche che richiedano accertamenti diagnostici multidisciplinari.

Nella fase iniziale l’attivazione del Day Service è stata indirizzata a patologie respiratorie, reumatologiche, gastroenterologiche, complicanze del diabete, malattie renali. “I risultati del 2013 – dichiara Riccardo Cecchetti, responsabile Day Service e specialista in medicina interna e in reumatologia - ci incoraggiano ad andare avanti sulla strada intrapresa e a implementare l’offerta, inserendo nel percorso Day Service anche le malattie neurologiche, le anemie di interesse gastroenterologico, le bronco pneumopatie croniche ostruttive (BCPO), l’ipertensione polmonare post-embolica e, in prospettiva futura, le patologie croniche dovute a scompenso cardiaco”

Nel 2013 sono stati infatti attivati 153 PACC: la stragrande maggioranza dei pazienti (111) presentavano patologie reumatologiche, gli altri esibivano complicanze diabetologiche o da osteoporosi.

Soddisfatto dell’andamento del progetto il direttore di medicina I dell’ospedale Lotti di Pontedera, Roberto Andreini: “prima della attivazione del Day Service, si poteva ricorrere alla esecuzione di numerose prestazioni specialistiche ambulatoriali, prenotate singolarmente, oppure, per avere risposte più rapide, ad un ricovero che risultava svantaggioso sia per il cittadino che per l’Azienda oltre ad essere una pratica inappropriata per finalità esclusivamente diagnostiche”.

Come si accede. La nuova offerta può essere attivata dal medico di famiglia, dal pediatra, da uno specialista, o da un medico del Pronto Soccorso, attraverso la prescrizione sul ricettario regionale di una visita specialistica e del relativo quesito diagnostico. Sarà poi lo specialista a decidere se utilizzare il Day Service, oppure indirizzare il paziente verso il percorso ambulatoriale classico con l’esecuzione di singoli esami prenotati al CUP.

Nel caso in cui lo specialistica ritenga necessario attivare il Day Service, prenotera’ “on-line” l’accesso al programma attivato all’interno del reparto di Medicina I al piano primo dell’ospedale Lotti ogni lunedì e venerdì. Il personale infermieristico si occuperà della pianificazione dell’intero percorso diagnostico, prenotando tutti gli esami richiesti dallo specialista che ha attivato” il PACC, aggiornando la cartella ambulatoriale di Day Service e raccogliendo tutti i referti degli esami eseguiti. La chiusura dell’iter avverrà con una nuova visita dello specialista referente del percorso, che formulerà diagnosi e terapia suggerita e che redigerà una relazione clinica conclusiva per il medico che aveva avviato l’intera procedura.

Le prestazioni erogate nel percorso di Day Service sono sottoposte al pagamento del ticket sanitario nelle modalità della normale attività ambulatoriale e con le tradizionali esenzioni legate a età, reddito o patologia.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità