QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 19°24° 
Domani 18°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 27 settembre 2016

Attualità venerdì 08 agosto 2014 ore 14:05

Un solo bagno per 100 autisti, che chiamano l'Asl

Cgil, Cisl e Faisa fanno il punto su Ctt Nord: "Per chiedere le ferie a Livorno basta una mail, a Ospedaletto bisogna fare la fila". Saltate le garanzie

PISA — Un solo bagno, con la turca e senza finestra, per più di 100 autisti ogni giorno. È l'ultimo segnale, in ordine di tempo, di una situazione che per i dipendenti di Ctt Nord non è più sostenibile. 

E che si aggiunge a riduzione del salario, perdita d’istituti come la mensa, la cassa integrativa sanitaria e alla perdita della normativa di secondo livello che regolava, tra l’altro, tempi di guida e di sosta.

La denuncia è delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Faisa di Pisa che con una metafora spiegano: "Sotto la bianca cenere sta la brace ardente. La cenere è quella di un’azienda, la ex Cpt, che fino alla fusione con ex clap ed ex atl, funzionava in modo egregio: vi erano attivi di bilancio e tra le maestranze regnava la pace sociale. Adesso il mancato rinnovo dell’integrativo, con conseguente applicazione di una regolamentazione unilaterale, ha portato un forte malessere sociale. Riduzione del salario, perdita d’istituti come la mensa, la cassa integrativa sanitaria, il cral, la massa vestiario e, soprattutto, la perdita della normativa di secondo livello che regolava, tra l’altro, tempi di guida e di sosta; di conseguenza, oggi, un autista impiegato sul servizio urbano può essere obbligato a guidare anche oltre le sei ore consecutive. mentre nel resto d'Europa non si possono superare le 4 ore e mezza".

Con un parco macchine ormai da mesi giudicato inadeguato al servizio "perché vecchio e mal tenuto, locali del personale sempre più trasandati, privi delle condizioni igienico sanitarie basilari, nei quali i lavoratori sono costretti a consumare il proprio pasto (portato da casa) non avendo più la possibilità di fruire della mensa. Addirittura a Pisa, l’unico bagno del locale servizio urbano, dove ogni giorno lavorano più di cento autisti, tra cui anche donne, è dotato di sola turca e privo di finestra".

Una situazione, questa, già segnalata dalle organizzazioni sindacali all’Asl di competenza.

"Ma l’aspetto più grottesco di tutta questo è che, a oggi, il progetto tanto decantato di azienda unica, per il momento è servito solo per applicare a tutti i dipendenti una
pesante decurtazione salariale e la disdetta di tutti gli accordi, per il resto non riscontriamo un solo passo verso la costruzione di una sola azienda. Infatti, le tre ex aziende continuano a gestire servizi e lavorazioni allo stesso modo di prima.
La conduzione del personale è rimasta diversa tra le 3 aziende: ci sono sedi nelle quali i quadri turni dei lavoratori non sono stati modificati e altre, vedi Pisa e Pontedera, dove nulla è più rispettato, con la conseguenza che il lavoratore non è più in grado di programmare la propria vita privata. Un esempio, tra i più eclatanti, è il modo con il quale l’azienda accoglie la richiesta ferie: a Pisa si è costretti a 'dormire' a Ospedaletto un mese prima del giorno da chiedere (per essere il primo a consegnare la richiesta la mattina dopo alle 4), a Livorno la stessa cosa può essere fatta con una semplice mail, a Lucca il criterio è ancora diverso. In questo clima ci si avvia alla gara Regionale per l’assegnazione del cosi detto lotto unico, che proprio unico pare non sia più.
Di fatto, se da un lato l’azienda ha trovato un’ottima sponda nella parte politica, proprietaria al 67 per cento di Cct Nord, che ha appoggiato e incoraggiato questi tagli indiscriminati, l’azienda ha seguito le indicazioni, spingendosi ben oltre a ciò che la politica stessa, forse, si aspettava".

Un sacrificio enorme, secondo le organizzazioni sindacali, pagato solo dal personale e nonostante il quale "Ctt Nord raggiunge un passivo di bilancio superiore ai 6 milioni di euro".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Attualità