QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17°27° 
Domani 16°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 27 maggio 2016

Cronaca giovedì 11 febbraio 2016 ore 13:00

Nessun colpevole per la morte in piscina

Nel 2006 il tragico incidente, poi due anni di coma. C'erano due indagati per la morte del 13enne Yassine Lecheeb, ma il reato ormai è in prescrizione

VICOPISANO — Il reato è estinto per pervenuta prescrizione. È la sentenza emessa ieri dal giudice Pietro Murano in relazione alla morte di un bimbo di 13 anni avvenuta dopo due anni di coma in seguito a un incidente in piscina.

L'epilogo di un'odiessea giudiziaria. Troppo lunga. Così per la morte  di Yassine Lecheeb per la legge non ci sono responsabili.

Era il 9 luglio del 2006 quando nella piscina delle terme di Uliveto si consumò la tragedia. Il bambino svenne in acqua ma nessuno se ne accorse per diversi minuti.

Due erano gli indagati per omicidio colposo: il bagnino Marco Fagiolini, 34 anni, di Vicopisano e la cugina del bambino, che doveva rispondere del controllo del minore Afaf Fatmi, 32 anni. Sono passati dieci anni e il reato è caduto in prescrizione.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità