QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°21° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 19 agosto 2019

Attualità venerdì 31 luglio 2015 ore 19:00

Cassonetti interrati, via ai lavori

Si parte da via Mazzini. 18 le isole ecologiche interrate che saranno installate in centro. A queste si aggiungono 34 cassonetti automatizzati



PISA — Inizieranno lunedì 3 agosto in via Mazzini gli scavi per il posizionamento dei primi cassonetti interrati per la raccolta differenziata.

Le 18 isole ecologiche interrate saranno installate in tutto l'asse turistico, storico e commerciale. A queste si aggiungeranno poi 34 cassonetti fuori terra, le cui collocazioni, sono ancora da definire nel dettaglio. 

"Ogni sezione ecologica -spiega il responsabile per l'ambiente del Comune Marco Redini- sarà composta da 2 bidoni per l'indifferenziata, uno per l'organico, uno per il multimateriale, uno per il vetro (fonoassorbente) e uno per la carta"

In tutto, sono 52 le nuove isole ecologiche che andranno a sostituire gli attuali 68 bidoni. Una diminuzione dei punti di raccolta, che si accompagna tuttavia a un aumento della loro capienza e alla garanzia di una distanza mai superiore a 100 metri fra questi e la residenza. "Questo -precisa l'assessore all'ambiente Salvatore Sanzo- per aiutare i cittadini ad una pratica corretta della raccolta dei rifiuti".

Si tratta di lavori per 2,5 milioni di euro finanziati dalla Regione in tandem con il Comune di Pisa.

Tutti i nuovi cassonetti saranno automatizzati, e si apriranno mediante un'apposita tessera. "Per evitare che i turisti e i pendolari non sappiano dove gettare i loro rifiuti - spiegano Alessandro Fiorindi, amministratore unico Pisamo e Marco Redini- contestualmente all'installazione delle nuove isole ecologiche automatizzate verranno implementati anche i cestini, sia per le strade, che negli esercizi commerciali".

"L'obiettivo del progetto -prosegue Sanzo- è quello di incrementare il volume della raccolta differenziata al 65 per cento, applicare una tariffazione puntuale e contenere gli odori che ovviamente i classici bidoni non sono in grado di mitigare".

Come detto, ad aprire le danze sarà via Mazzini, ma già da settembre è prevista l'apertura in contemporanea di 4 scavi. In ognuno di questi, sarà sempre presente un archeologo, che dovrà intervenire nel caso in cui durante i lavori emerga qualche reperto.

L'elenco dei cassonetti interrati: tre in via Roma, due in via Santa Maria, via Dalmazia, via Capponi, via Maffi, via Palestro, Borgo Largo, via Santa Caterina, via San Lorenzo, piazza San Paolo all'Orto, via Sighieri, via Curtatone e Montanara, via Mazzini, via Sancasciani, via Giusti. Per via Palestro e Borgo Largo, invece, c'è da attendere il parere della soprintendenza.

L'andamento del porta a porta: Attualmente attiva nei quartieri di Riglione, Oratoio, Ospedaletto, Coltano, Sant'Ermete e Putignano, per l'assessore all'ambiente sta dando ottimi risultati. "Le percentuali di raccolta superano il 75 per cento". Prossima la sua estensione al resto del territorio comunale, ma sempre fuori dalla Ztl. "Da giugno ad oggi -sottolinea Sanzo- la raccolta differenziata in tutto il comune è passata dal 37,84 al 40, 75 per cento. L'obiettivo è quello di raggiungere la percentuale richiesta dai regolamenti europei, pari al 65 per cento".

Per quanto riguarda il nuovo sistema di raccolta, Sanzo assicura che "verrà fatta una capillare informazione casa per casa in merito ai lavori, ai tempi e al funzionamento dei cassonetti automatizzati"



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cronaca

Cronaca