QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 23°25° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 23 agosto 2019

Attualità lunedì 09 marzo 2015 ore 16:07

Cena della legalità, tra sapori e letture

L'evento è organizzato dall'associazione Libera in occasione della 20esima Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime di mafia



SAN GIULIANO TERME — In occasione della 20esima Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di mafia in programma a Bologna il 21 marzo prossimo, l’associazione Libera, con il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme ha organizzato una Cena della Legalità nel capoluogo presso il ristorante ex Salustri, locale sottratto alla criminalità organizzata la cui gestione, al momento temporanea, è in attesa di riassegnazione definitiva.

La cena si svolgerà il 18 marzo, alle 20 e sarà preparata con i prodotti di Libera Terra.

Nel corso della serata sarà presentato il libro Il gusto giusto - 100 ricette al sapore di legalità, libertà e democrazia di Giovanna Baldini e Cristiana Vettori che propone 100 ricette realizzate con i prodotti dei beni confiscati e i cui diritti di autore sono interamente ceduti a Libera. Le due autrici saranno presenti alla cena.

Il sindaco Sergio Di Maio commenta: “La Cena della Legalità è un importante e consolidato appuntamento annuale al quale il Comune ha sempre partecipato; la nostra Amministrazione, che dall’anno 2003 fa parte dell’Associazione Avviso Pubblico e che aderisce al Coordinamento Pisano Enti Locali per la legalità sottoscritto fra i Comuni della Provincia di Pisa nel 2006, storicamente promuove la formazione civile contro ogni tipo di mafia e contro la corruzione per una cultura della legalità e della democrazia, non poteva quindi non sostenere un’iniziativa che, senza riflessi diretti o indiretti sul patrimonio dell’Ente, contribuisce a mantenere alta l’attenzione sul fenomeno mafioso. Oggi più che mai c’è bisogno di denunciarne le implicazioni sul piano culturale, sociale, politico ed economico e di esprimere solidarietà istituzionale in modo concreto a quanti esposti sul fronte antimafia”.

“La scelta di organizzare la cena nel locale sangiulianese – spiega il consigliere comunale Fabiano Martinelli, che è anche membro del direttivo nazionale di Avviso Pubblico – è significativa in quanto ci ricorda che il nostro territorio non è immune dalle infiltrazioni mafiose, occorre pertanto tenere alta la guardia, continuare a promuovere la cultura della legalità e sostenere attivamente i percorsi di antimafia sul riutilizzo sociale dei beni confiscati”.

Gli introiti della cena saranno devoluti a Libera.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

Cronaca

Sport