QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 23°24° 
Domani 18°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 19 luglio 2019

Attualità sabato 04 aprile 2015 ore 09:31

Diserbanti, campi rossi e salute

Valeria Antoni ha presentato un'interpellanza al sindaco Filippeschi



PISA — Valeria Antoni, capogruppo in Consiglio comunale del Movimento 5 Stelle ha presentato un'interpellanza al sindaco sul fenomeno dei cosiddetti campi rossi.

“Da alcune settimane - scrive l’esponente grillina - nonostante sia primavera, si può osservare lo strano fenomeno dell’erba già secca e rossastra. Non si tratta di una insolita malattia delle piante o di un fenomeno naturale di alterazione del colore dell’erba ma dell’uso massiccio di diserbanti, non solo lungo le banchine stradali, anche nei terreni coltivati o incolti, per renderli meglio coltivabili.

A quanto sembra la motivazione di questa curiosa colorazione è il glifosate comunemente reperibile in molti diserbanti tra cui il più noto RoundUP della Monsanto, nota multinazionale di biotecnologie agrarie, questo ha la caratteristica di durare pochi giorni ma come prodotti di degradazione dà origine a metaboliti dannosi. Si sa che l’uso di tali sostanze dovrebbe essere vietato vicino ai corsi d’acqua perché può provocarne l’inquinamento con conseguenze che è facile immaginare sugli organismi acquatici, e per le sottostanti falde.

Anche in Italia, rileggendo le statistiche fornite dall’Ispra nel rapporto nazionale pesticidi nelle acque, «la presenza del glifosato e del suo metabolita, l’acido aminometilfosfonico, è ampiamente confermata, anche se il suo monitoraggio è tuttora effettuato solo in Lombardia, dove la sostanza è presente nel 31,8% dei punti di monitoraggio delle acque superficiali, mentre il metabolita nel 56,6%». «Essendo l’erbicida largamente impiegato, è probabile che il suo inserimento nei programmi di monitoraggio possa determinare un aumento dei casi di non conformità nelle regioni dove ora non viene cercato». Il glifosato è anche il pesticida che più di ogni altro determina il superamento degli standard di qualità ambientale nelle acque superficiali. In sostanza visto che l’utilizzo del glifosato è collegato all’aumento di leucemie infantili e malattie neurodegenerative , Parkinson in testa,ma che comunque è vasta la gamma di controindicazioni legate all’utilizzo del pesticida occorre informare la popolazione sulle conseguenze del suo uso massiccio.Inoltre il sindaco, in qualità di ufficiale sanitario con mansioni di tutela della salute pubblica, ha il dovere di avviare un procedimento al fine di monitorare l’utilizzo di questo pesticida nel territorio comunale.. A nostro avviso ha pure il dovere di emettere un ordinanza che ne vieti l’utilizzo e contestualmente informare la popolazione in merito alle sue conseguenze.

Invitiamo pertanto tutti i cittadini – conclude la Antoni - ad inviarci una foto che raffiguri il campo rosso indicandone la posizione per meglio divulgare la pericolosità di questo fenomeno all’indirizzoinfo@m5spisa.it “.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità