QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 14°20° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 29 maggio 2016

Attualità lunedì 20 ottobre 2014 ore 12:25

​Il passaporto arriva per posta

Grazie a una convenzione fra Dipartimento Pubblica Sicurezza e Poste Italiane, dal 27 ottobre si potrà ricevere il documento a domicilio

PISA — Arriverà insieme alle bollette, alle raccomandate e ai cataloghi dei supermercati. A breve il passaporto potrà infatti essere recapitato per posta direttamente a casa propria.

Grazie a una convenzione fra il Dipartimento Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno e Poste Italiane, dal 27 ottobre si potrà richiedere di ricevere il documento all’indirizzo di domicilio. Dopo la sperimentazione nelle Questure di Roma, Bari e Verona, l’iniziativa entra in funzione anche su scala nazionale. A breve quindi, anche nel territorio della provincia di Pisa, ai cittadini che ne faranno richiesta, il passaporto verrà recapitato a domicilio a un costo di 8,20 euro, da pagare in contrassegno al momento della consegna, ovvero direttamente all’impiegato di Poste Italiane.

Al cittadino che vuol fruire del servizio, la Questura di Pisa o il Commissariato di Pontedera nella cui circoscrizione tale servizio sarà attivo, consegnerà una busta di Poste Italiane da compilare e consegnare sul posto ai rispettivi Uffici Passaporti, dove dovranno essere riportate in particolare le informazioni relative al domicilio presso cui si desidera ricevere il documento. Al cittadino viene poi consegnata una stampa della ricevuta contenente il numero della busta, in modo da poter verificare via internet lo stato della trasmissione del libretto tramite il servizio di tracciabilità sul portale di Poste.

Qualora il documento non venisse recapitato per assenza del destinatario, verrà lasciato un avviso di mancata consegna e passati trenta giorni senza ritiro, il passaporto sarà riconsegnato all’Ufficio Passaporti emittente. Per il ritiro alla Posta entro i trenta giorni, vale la procedura standard per il ritiro della posta registrata, cioè il riconoscimento del destinatario o di un’altra persona con delega e fotocopia del documento firmata.

Nel caso di indirizzo errato, Poste italiane riconsegnerà il documento all’Ufficio Passaporti, mentre nell’ipotesi di smarrimento della busta provvederà al rimborso di 50 euro al cittadino che per ottenere un nuovo libretto dovrà pagare solamente il bollettino di 42,50 euro.

Per maggiori informazioni è possibile telefonare dal lunedì al sabato ai numeri 050583693 o 050583602.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità