comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 21°33° 
Domani 22°35° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 07 agosto 2020
corriere tv
Coronavirus, Galli: «Temo che il vaccino non ci sarà prima della fine del 2021»

Lavoro martedì 07 luglio 2020 ore 15:50

Affitti commerciali, c'è aria di crisi

Corso Italia

Con l'emergenza Covid le locazioni commerciali rischiano di saltare. Cna Pisa propone un patto fra proprietari e affittuari



PISA — Oltre al calo dei fatturati, nel periodo di inattività causata dal Covid-19, le attività economiche che esercitano in locali in affitto, si sono trovate di fronte al pagamento dei canoni. Una fardello in più per le attività commerciali, che se costrette a chiudere potrebbero far saltare l'intero sistema delle locazioni ad uso commerciale, innescando una pericolosa crisi.

Un tema delicato che per Cna Pisa è una "bomba a orologeria" da disinnescare, con il presidente Francesco Oppedisano che auspica un protocollo di intesa fra proprietari e conduttori.

“I costi fissi, in primis il canone di locazione dei fondi commerciali, rappresentano oggi un problema enorme per le attività – ha argomentato Oppedisano di Cna Pisa - Ogni esercizio commerciale, ogni attività economica ha subito almeno una forte diminuzione e spesso perfino un totale azzeramento, del fatturato. Attualmente, si assiste ad una lenta ripresa degli incassi, ma permane l’assenza di una normativa quadro in grado di gestire i diversi interessi in conflitto sul tema del canone di locazione. Non esistono disposizioni specifiche se non quanto contenuto nel D.L. n. 18/2020, c.d. Cura Italia, ovvero, un credito di imposta pari al 60% dell’ammontare del canone di locazione in favore del conduttore sui canoni effettivamente pagati: un canone di locazione non pagato non produrrà, pertanto, il credito d’imposta, creando problemi ulteriori". 

"Se infatti è vero che il conduttore non può ritenersi legittimato a sospendere il pagamento o ad effettuare una riduzione del canone senza un accordo con il locatore - ha osservato il presidente Cna Pisa -, è altrettanto vero che in una situazione di emergenza sanitaria come quella che stiamo vivendo, qualunque autorità giudiziaria potrebbe escludere o ridurre la responsabilità del conduttore per l’inadempimento. Cna intende essere di aiuto nella risoluzione di questa tipologia di conflitto, ed in rappresentanza dei propri iscritti, promuove, sostiene e sollecita la stesura di un protocollo di intesa tra soggetti di rappresentanza dei proprietari e dei conduttori affinché la problematica assuma almeno i caratteri di una ‘conflittualità normata’ ".

"L’intento e la speranza - ha concluso Oppedisano - è quello di mantenere in vita le attività commerciali, così come i contratti di locazione, eventualmente rinegoziando un accordo di riduzione del canone, anche temporaneo, che consenta al conduttore di superare il periodo di emergenza ed al locatore di evitare di dover notificare intimazione di sfratto per morosità e tutte le altre azioni conseguenti. Ma bisogno procedere in fretta, come peraltro già accaduto in altre città, per evitare che il problema si ingigantisca invece che ridursi”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Politica