QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 15° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 16 novembre 2018

Attualità martedì 10 novembre 2015 ore 19:30

Fidejussioni non valide, c'è anche Bulgarella

Il costruttore siciliano avrebbe presentato garanzie non valide al Comune di Pisa per due progetti, a Ospedaletto e sul litorale



PISA — Il gruppo di Andrea Bulgarella, il costruttore indagato dalla Dda di Firenze per presunte infiltrazioni mafiose nella finanza, ha presentato due fideiussioni tossiche e quindi non valide, al Comune di Pisa.
Il Comune, che ha reso nota la vicenda annunciando un'inchiesta interna a tutto tondo anche per altri casi ha fatto sapere che "Gli uffici hanno richiesto la sostituzione delle polizze o il pagamento del previsto, essendo il suo gruppo del tutto operativo".
"Le imprese del gruppo Bulgarella - dice l'amministrazione - risultano al momento debitrici per Imu e Ici non ancora pagate per circa 4,2 milioni di euro e sono state avviate le procedure per il recupero."

I progetti per i quali le fidejussioni non sarebbero valide sono quelle "per il progetto della Piazza del Terzo Millennio (stipulata con Union Credit) e realizzato
solo in parte) e per la ristrutturazione di un ex colonia (stipulata con Medusa) sul litorale pisano".

Il sindaco Marco Filippeschi nell'inchiesta interna affidata al segretario generale mira a capire se gli uffici abbiano rispettato le regole sulle fidejussioni presentate da costruttori incaricati di svolgere lavori pubblici dopo la denuncia presentata dal gruppo consiliare "Una città in comune" su un caso di fidejussioni tossiche, accettate dall'amministrazione, da parte di una finanziaria finita nella black list di Bankitalia già dal 2008 per conto di un consorzio di costruttori pisani. Un caso che potrebbe approdare presto alla procura della repubblica.

Le verifiche in corso riguardano un centinaio di polizze ma il comune si dice fiducioso di non perdere niente perché l'amministrazione può chiederne la sostituzione o, nel caso di inadempienza dell'azienda, si può rivalere sul patrimonio o diventarne creditore in caso di fallimento, come avvenuto per la Sviluppo navicelli.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità